La replica del presidente del Consiglio al Sindaco

[Riceviamo e pubblichiamo]

Egregio Sindaco,

resto perplessa nel ricevere la sua lettera…

con questa, Lei dimostra di voler distrarre l’attenzione collettiva dalle questioni di varia natura che interessano la nostra comunità, pretendendo di scaricare sul Presidente del Consiglio Comunale le vere responsabilità per l’inerzia che contraddistingue, in atto, l’attività politica ed amministrativa sua e della sua Giunta.

In questa sede, mi corre l’obbligo sottolineare che la sottoscritta non potrà mai passare alla storia come “il Presidente di un Consiglio Comunale che non si è mai riunito”, Le voglio ricordare che sono stata eletta nella seduta del 12 dicembre 2014 e sotto la mia Presidenza il Consiglio Comunale si è riunito in data 19.12.2014, 23.12.2014 (Prot. N. 17041), 23.01.2015 (Prot. N. 1005), 11.02.2015 (Prot. N. 1985), 17.03.2015 (Prot. N. 3791), 08.04.2015 (Prot. N. 4805), 23.04.2015 (Prot. N. 5934), precisando che solo in due occasioni (17.03.15 e 08.04.15) il Consiglio, regolarmente convocato, è andato deserto per l’assenza della maggior parte dei Consiglieri Comunali.

Le chiedo, quale responsabilità economica e sociale ha questa Presidenza, se dal 17.03.2015 non sono pervenuti nuovi documenti da sottoporre all’attenzione del Consiglio Comunale?

Ciò dimostra che, quale Presidente del Consiglio, ho convocato lo stesso ogni qualvolta dall’ Amministrazione Comunale mi è stata trasmessa la documentazione necessaria alla predisposizione dell’ordine del giorno.

Mi preme evidenziare che atti importanti quali, la variante allo strumento urbanistico e la costituzione società d’intervento, non sono ancora pervenuti presso l’ufficio di Presidenza, così come ha falsamente dichiarato sul blog “il Caleidoscopio”.

Anzi, per l’esattezza, con nota Prot. N 5343 del 10.04.15 Lei faceva richiesta di inserimento punto all’ Odg relativamente alla presa d’atto costituzione A.R.O. ed approvazione schema di statuto per la società in house, senza consegnare alla Presidenza ancora oggi, alcuna proposta di delibera, e con nota Prot. N. 5969 del 21.04.15 la sottoscritta le ricordava di essere in attesa di tali proposte.

Ho sempre convocato le riunioni dei capigruppo, il 14.01.2015, 04.02.2015, 03.03.2015, 26.03.2015 e 20.04.2015, l’ultima annullata il giorno prima e non il minuto prima così come Lei dice, e per motivi di salute di cui Lei ne era a conoscenza. Inoltre, ho partecipato attivamente e con entusiasmo a diverse manifestazioni ed incontri a cui è chiamato il Presidente.

Vede Sindaco, l’arte della menzogna non mi appartiene!

Quanto premesso dimostra che i miei comportamenti non hanno mai rischiato di compromettere la dignità dell’Istituzione che ho l’onore di presiedere, visto che ho sempre svolto il ruolo affidatomi con discrezione e rigoroso rispetto dei regolamenti che ne ordinano il funzionamento.

L’occasione mi è gradita per invitarla a rileggere la sua lettera e riflettere.

Castelbuono, lì 06.05.2015

Il Presidente del Consiglio

F.to Annamaria Mazzola