“La Trise, nuovi tributi locali per ogni castelbuonese”. L’opinione di Enzo Minà

Con la nuova Legge di Stabilità (e se non si chiama più ?Finanziaria? un motivo ci sarà?) entra di fatto in vigore la nuova Tassa e tanto discussa ?Service Tax?, che ufficialmente prenderà il nome di TRISE .

Presumo sia doveroso e utile informare i cittadini Castelbuonesi sugli aspetti essenziali di questo nuovo Tributo Locale (Tributo sui servizi comunali), in quanto riguarderà direttamente ogni singolo  Cittadino.

Sono molte le perplessità e le relative domande che in questi giorni in tanti si pongono:  chi e quanto si dovrà pagare? Quali categorie di cittadini ne potranno trarre vantaggio, e quali uno svantaggio? Si pagherà  più o meno dell? Imu?  I Comuni potranno contare su maggiori Entrate?

Proviamo a fare un pò di ordine e di chiarezza (salvo restando le varianti che potrebbe subire la Legge nei prossimi giorni in Parlamento).

La TRISE incorpora di fatto 2  nuovi ?sottoTributi?: la TASI e la TARI

Quindi, in definitiva, le Tasse sulle case risulteranno essere le seguenti:

  • l? IMU:  non verrà più versata per la ?prima casa? ( tranne se di Cat. Catast. A1 ed A8, considerate ?case di lusso? ) ma ?solo? per le ?seconde case?; verrà pagata interamente dal Proprietario; la sua aliquota sommata a quella della TASI non può superare il 10,6 per mille
  • la TASI: è  la tassa sui servizi indivisibili; è dovuta per ogni tipo di abitazione; come base di calcolo avrà la stessa base imponibile dell? IMU, e l?aliquota di riferimento da applicare potrà variare dall?1 al 2,5 per mille; una sua parte ( dal 10 al 30 % )  verrà pagata anche dal Conduttore.
  • la TARI: è la nuova tassa sui rifiuti (ex Tarsu, Tares, Tia); verrà pagata dal Conduttore dell? immobile e dovrebbe restare commisurata all?ampiezza dell?immobile.

Credo,  che con un semplice, ma tanto realistico esempio, si possa avere una visione più limpida della situazione.

Supponiamo il calcolo dei Tributi su un? abitazione la cui Rendita Catastale sia pari a  300 ?  e  che il Comune scelga come aliquota dell? Imu lo 0,9% ed aliquota della Tasi lo 0,1 % , ( risultando dunque invariata l?aliquota precedente dell? Imu che era del 10 per mille, e ricordando che la somma delle due aliquote non deve superare il 10,6  per mille);

supponiamo inoltre che la percentuale della Tasi da attribuire al conduttore sia del 25 % e che la Tari sia di importo uguale alla vecchia Tassa sui rifiuti; ebbene:

a) se questa fosse la ?prima casa?, nel 2012 il proprietario pagava di Imu solamente 1,5 ? ( tenendo conto della detrazione di 200 Euro) + la Tassa sui Rifiuti.

Nel 2014  pagherebbe invece Zero di Imu, ma circa 52 ?  di Tasi + la Tari.

b) Se invece essa fosse una ?seconda casa? locata , il proprietario pagava 504 di Imu ed  il conduttore solo la Tassa Rifiuti.

Nel 2014, invece,  il proprietario pagherà  450 ? di Imu + 30 ? di Tesi e il conduttore circa 20 ? di tesi ( che è il 25% della Tasi ) + la Tari

Quindi , in definitiva e malgrado quello che erroneamente spesso si sente in tv, per le ?prime case? con rendite catastali non elevate  si pagherà di più rispetto al 2012 . Tale incremento sarà maggiore quanto maggiore sarà l?aliquota scelta dal Comune per la Tasi ( max 2,5 per mille; nell? esempio di sopra se Aliquota Tasi 2,5 per mille si pagherebbero per la prima casa circa 125 ?)

Inoltre, per tuti coloro che dimorano in una casa presa in locazione, vi sarà un nuovo esborso monetario dovuto alla % di Tasi a proprio carico.

L?unico piccolo risparmio dovrebbero averlo i proprietari di ?seconde case? locate , risparmio che risulterà maggiore quanto più sarà l? aliquota della Tasi e/o la percentuale di essa da imputare al Conduttore, ma che invece sarà nullo se il Comune porterà aliquota Imu al 9,6 per mille .

Il Comune, su quali leve potrà operare?

  • Aumentare la Tesi sino al 2,5 per mille ( ma tenendo presente che la somma con l?aliquota Imu non deve superare il 10,6 per mille )
  • Aumentare l? Imu sino al 9,6 ( tenendo presente  che la somma con l?aliquota Tesi non deve superare il 10,6 per mille)

Per il Comune,  le Entrate Tributarie derivanti dai Tributi Locali sulle Case potrebbero essere realmente maggiori rispetto al 2012, in quanto molte abitazioni a Castelbuono hanno rendita catastale bassa ( e quindi non pagavano Imu nel 2012 ); se a ciò aggiungiamo che il Governo con la stessa Manovra stanzierà un Miliardo di Euro in più da destinare ai Comuni, le Casse Comunali potrebbero finalmente ?tornare a sorridere?;  ma , forse, un po? meno le casse dei singoli cittadini.

 

Enzo Minà

 

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.