Lacrime, determinazione e tanto, tanto Cuore con la piccola triste nota finale per le under 16 femminili

Si conclude il cammino fin qui straordinario della Castelbuonese-YpsiVolley in Under 16 che mercoledì 2 aprile cede al termine di una partita incredibile a Monreale.

Un campionato quello delle ragazze del Presidente Capuana a dir poco meraviglioso, con tutte le partite vinte nel girone nonostante una situazione palestra difficilissima che costringe le Ypsine a giocare unicamente fuori casa.

Una partita, quella vissuta al Palazzetto di Monreale, bellissima, una grande lezione di sport e di vita, per tutti, vincitori e vinti, grandi momenti che Castelbuono nonostante si fregi del titolo altisonante di “Città Europea dello Sport 2014? è costretta a perdersi a causa di “anonime” denunce e gelosie di loschi personaggi che dovrebbero lavorare per lo sport, per la comunità e per i giovani ma che in realtà fanno tutto il contrario.
Partono fortissimo le Ypsine che ritrovano finalmente Mazzola Carla dopo una lunga indisponibilità, che compone il sestetto messo in campo dal duo Cascio-Mitra insieme al Capitano Cammarata, al libero Cascio, al centrale Barreca, alla palleggiatrice Mazzola Federica, all’ala Schicchi e all’opposto Scialabba.
La Castelbuonese vince il primo parziale per 25 a 22 dimostrando una grande personalità, il secondo set però vede la reazione delle padrone di casa che si portano in parità vincendo per 25 a 17.

Partita tesissima vista la posta in palio, ma come sempre molto corretta; le Ypsine si portano ancora avanti vincendo il terzo set per 25 a 21 grazie a un gioco solido e cinico sotto rete.

Il quarto parziale è il più bello della gara con una serie incredibile di colpi di scena con le ragazze di Castelbuono che giocano benissimo così come le avversarie di casa e che si trovano 24 a 21, con ben tre match point, potrebbe sembrare finita ma la tensione è dietro l’angolo per le ragazze capitanate da Cammarata che pagano la mancanza di esperienza e incredibilmente con tre errori rimettono in partita le più grandi ed esperte avversarie che portano a casa il parziale con un insperato 26 a 24. Il Tie break come sempre è una roulette e la miglior condizione mentale gioca a favore della squadra di casa che vince per 15 a 9 e si assicura il passaggio del turno.

Ha vinto l’esperienza delle ragazze più grandi, la freddezza nei momenti importanti e un pizzico di fortuna.

Bisogna però tributare un lungo applauso alle Ypsine, che nonostante l’età inferiore al campionato hanno dominato il girone e fatto una stagione favolosa, nonostante l’enorme difficoltà di giocare sempre in trasferta, sempre contro il pubblico oltre che gli avversari, ma che sono uscite fortificate da queste traversie, anche da questa sconfitta che le farà crescere più delle tante vittorie, una squadra unica, che siamo sicuri darà tanta soddisfazione alla nostra comunità.

 

Piccola triste nota finale

Le ragazze della Polisportiva hanno giocato il campionato con il nome di IIS Luigi Failla Tedaldi per sottolineare lo stretto e fruttuoso legame con l’Istituzione scolastica con la quale è stato avviato un progetto di collaborazione, con la Scuola che ha messo a disposizione le ore e la competenza dei Docenti Russo e Perrini e la Polisportiva gli allenatori federali Cascio e Mitra.

Visti i recenti tristi accadimenti con la revoca delle ore della Polisportiva a seguito della denuncia anonima la scuola si è trovata costretta a chiudere il progetto a causa di “pressioni” interne che accusavano di aver privilegiato la Polisportiva a dispetto di altre Società che però non dispongono di tecnici federali.

Risultato dalla prossima settimana le ragazze under 16 nonostante il bellissimo campionato saranno fuori dalla palestra e senza possibilità di allenarsi;

La Polisportiva e l’YpsiVolley a nome dei responsabili del settore Volley Cascio e Mitra, nonchè tecnici federali FIPAV, ci tiene a ringraziare il Liceo per la possibilità e in particolar modo i Docenti responsabili Russo e Perrini, il Preside e tutta l’Istituzione scolastica per aver comunque aiutato le ragazze a poter realizzare il loro sogno; nella speranza che il prossimo anno si potrà nuovamente ripetere questo progetto molto importante per la crescita dei nostri ragazzi, che, non finiremo mai di sottolinearlo, sono il nostro futuro, e permettergli di utilizzare un luogo come la palestra non è altro che toglierli dalla strada, facendoli lavorare e crescere con dei valori fondamentali che solo lo sport può insegnare.

Giuseppe Botta

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.