L’alta formazione sul design approda a Castelbuono. “Design in Town” cerca sponsor per istituire una borsa di studio

45 studenti selezionati tra le università italiane, 20 docenti tra i migliori professionisti del design nazionale, 6 progetti reali, pensati e contestualizzati su Castelbuono. Ed ancora mostre e laboratori per i cittadini del territorio.
Sono questi alcuni numeri e iniziative che ricadranno, come un piacevole meteorite, nell’estate castelbuonese grazie a “Design in Town”: un progetto-contenitore a cura dell’associazione Culturale Good Design con sede a Milano, fondata da Pasquale Volpe e che ha che ha come mission la promozione dell’importanza del design e della comunicazione con particolare attenzione a temi legati a cultura, territorio e sociale.

Con Design in Town senior designer e artisti da una parte, e giovani designer dall’altra, hanno la possibilità di lavorare insieme su progetti veri al servizio del territorio. La seconda edizione del progetto si svolgerà quindi a Castelbuono dal 20 luglio al 4 agosto. La formula scelta per l’iniziativa è quella di una Summer School alla quale parteciperanno – dicevamo – 45 studenti selezionati tra le università italiane, 20 docenti tra i migliori professionisti italiani, che lavoreranno insieme per la realizzazione di 6 progetti reali per Castelbuono, con altrettante mostre. Inoltre, si svolgeranno 12 lezioni di design e comunicazione aperte a tutti e 3 laboratori per 120 cittadini del territorio della durata di una settimana, su progetti reali con relative esposizioni dei risultati. Il tutto raccontato come un reality prima e dopo l’estate con video, foto, interviste, commenti e tanto altro su tutti i canali del progetto, grazie ad un team di 15 professionisti.

Il progetto ha ottenuto quest’anno, per ogni categoria, il patrocinio delle associazione italiana di categoria: AIAP, ADI, ADCI, AFIP, AI che ne certificano la qualità e l’impegno.

Per favorire la partecipazione di studenti universitari siciliani alla Summer School, gli organizzatori di Design in town rivolgono un appello a tutte le aziende o le istituzioni che vorranno sposare l’iniziativa sostenendo il progetto con una borsa di studio del valore di 5000 euro, così da donare ad uno studente meritevole la possibilità di partecipare gratuitamente al progetto. La borsa di studio porterà il nome dell’azienda, che diverrà anche sponsor del progetto per un anno, con visibilità su tutti i canali di comunicazione del progetto e presenti nell’archivio online delle edizioni per gli anni futuri.

Info:
[email protected]