Le 10 domande alla presidente del Club Unesco Giuseppina Palumbo

Decima puntata della rubrica “il rompiscatole” a cura del giornalista-storico Giuseppe Spallino

1) Perch? ha deciso di farsi carico della presidenza di questa importante associazione?

2) La sua ? una nomina politica (nel senso che ? stata nominata da un politico) o ? stata democraticamente eletta da un’assemblea di soci?

3) Il Club Unesco esisteva da prima. Perch? allora in occasione della prima manifestazione della Sua presidenza nelle locandine c’era scritto “inaugurazione”?

4) L’Unesco si occupa maggiormente di valorizzare territori a rischio. Voi, nel vostro piccolo, avete pensato di proporre le Madonie come patrimonio dell’umanit??

5) Le presentazioni di libri e le conferenze culturali che voi organizzate spesso non hanno nulla a che vedere con il territorio. Rientrano queste attivit? nei fini della vostra associazione?

6) Perch? nelle locandine dei vostri eventi c’? sempre il logo dell’Ente Parco delle Madonie?

7) Quali sono i vostri rapporti con l’Amministrazione comunale?

8 ) Quanti soci avete e quanti vengono coinvolti all’organizzazione delle vostre iniziative? E chi di questi si sente di ringraziare in modo particolare?

9) Come valuta sinora la Sua esperienza da presidente del Club?

10) Cosa evete in programma per il futuro?

1 commento

  1. Le 10 risposte della presidente del Club Unesco Giuseppina Palumbo

    1) Mi ? sembrata una buona occasione per dare un mio personale contributo alla crescita culturale della mia comunit? di origine, occupandomi di ambiti di interesse che mi appassionano da sempre.
    2) La mia non ? stata una nomina ?politica? quale espressione di un?appartenenza ad uno schieramento politico. Pi? semplicemente, nell?estate del 2005 il Sindaco Mario Cicero mi ha proposto di occuparmi di questa associazione che esisteva gi? da qualche anno e che la Federazione Nazionale dei Club Unesco, con sede a Firenze e dai cui dipendono tutti i club italiani, minacciava di chiudere perch? non attiva.
    3) Perch? si inaugurava un nuovo corso con una nuova presidenza ed un consiglio direttivo di livello, i cui componenti, tutti castelbuonesi, sono professionisti che operano a vario titolo negli ambiti di interesse dell?Unesco vale a dire: Arte, Ambiente, Scienza, Educazione e Cultura.
    4) All?interno dell?Unesco, in realt?, ? la Commissione Nazionale che si occupa di individuare i siti del patrimonio artistico e ambientale da proteggere, non i club che invece sviluppano progetti e iniziative di sensibilizzazione dedicate alle comunit?. Comunque, durante l?Assemblea Nazionale dei Club del 2010 che si ? svolta ad Assisi, avendo saputo che il sindaco della citt? umbra ospitante, il Dott. Claudio Ricci faceva parte della Commissione per l?individuazione dei siti di interesse, ho portato con me materiale illustrativo riguardante Castelbuono e le Madonie, anche con qualche chicca di cultura immateriale. Ho lanciato il sasso nello stagno?. cercando di promuovere al meglio il nostro territorio. Giusto per avere la percezione delle difficolt? e dei tempi necessari per un?eventuale individuazione, Ricci mi ha raccontato che Assisi e l?Umbria, patria di San Francesco, Cimabue e Giotto, giusto per citare i pi? noti, hanno ricevuto il riconoscimento di patrimonio dell?umanit?, dopo un?istruttoria complicatissima durata ben 10 anni!
    5) L?Unesco ? un?organizzazione internazionale nata in seno all?O.N.U. per garantire l?incontro e lo scambio delle diverse culture ed in tal modo mantenere la pace tra i popoli. Pertanto il suo respiro ? per nascita sovra localistico e transazionale. Nel nostro piccolo, cerchiamo di proporre alla comunit? castelbuonese tematiche che riguardano l?uomo del nostro tempo, i cui orizzonti ormai sono sensibilmente cambiati rispetto al passato. In altri termini, giusto per rispondere alla sua domanda gentile ?rompiscatole?, proprio perch? aderiamo ai progetti della Federazione Nazionale dei Club Unesco, promuoviamo iniziative culturali che possano interessare gli uomini e le donne di oggi e non esclusivamente i castelbuonesi in quanto tali, mi sembra un buon modo per guardare oltre la ?siepe? e ?l?ermo colle?.
    6) Perch? ? un?istituzione del nostro territorio con cui abbiamo spesso collaborato specie in occasione di iniziative dedicate alla Scienza e all?Ambiente.
    7) Di reciproco coinvolgimento, tanto pi? che i Club Unesco Italiani sin dalla loro istituzione, nascono in stretto rapporto con le amministrazioni comunali da cui ricevono collaborazione e supporto. Ci? avviene in modo consono e libero anche per il Club Unesco di Castelbuono.
    8 ) Abbiamo una media annua di circa 30 soci che naturalmente partecipano alle nostre iniziative e a cui cerchiamo di dedicare qualche attenzione particolare. Il possesso della tessera del club consente infatti di poter fruire di una scontistica in molti esercizi commerciali di Castelbuono, nonch? in ristoranti, librerie ecc. I soci sono naturalmente i primi ad essere coinvolti nelle nostre attivit? ed il mio ringraziamento va a tutti indistintamente, poich? l?esserci ed il partecipare ? per noi una manifestazione di gradimento e condivisione della nostra proposta culturale.
    9) Impegnativa e parimenti gratificante.
    10) A breve vorremmo organizzare un incontro sulla cucina mediterranea che, com?? noto, ha ricevuto un riconoscimento da parte dell?Unesco; naturalmente continueremo a proporre itinerari ambientali ed artistici visto che sono molto apprezzati (nell?ultima escursione naturalistica c?erano circa 230 partecipanti!!); infine ci piacerebbe organizzare un viaggio, magari sul filo di un tema condiviso e che possa essere vissuto come esperienza conoscitiva intensa e speciale, fuori dagli avvilenti schemi consumistici dei pacchetti turistici usualmente proposti.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.