Le 10 domande all’arch. Nicola Piro

Tredicesima puntata della rubrica “il rompiscatole” a cura del giornalista-storico Giuseppe Spallino

1) Lei ha trascorso l’estate a Castelbuono. Quali le impressioni sul nostro paese?

2) Quale il Suo pensiero sulle risposte dell’arch. Rosario Polisi pubblicate recentemente da questa rubrica?

3) Qual ? il suo punto di vista sulla facciata della Casa comunale?

4) In alcuni dei suoi recenti commenti sono emersi chiari caratteri distintivi nella difinizione di Diritto urbanistico e Diritto edilizio pubblico. Quali, brevemente, in particolare?

5) Cosa si deve intendere per cultura del piano e del progetto? E quale degli strumenti classici di piano, Piano Regolatore Generale e Piano Particolareggiato, risponde pi? da vicino agli interessi della societ? e della citt? in genere, e della comunit? castelbuonese in particolare?

6) Qual ? il suo punto di vista sull’utilit? o meno del concorso di progettazione?

7) Dei componenti del binomio Politica-Economia, qual ? quello che pi? dovrebbe rispondere alle istanze dei cittadini, in genere, e dei castelbuonesi, in particolare?

8 ) Politica e Pubblica Amministrazione: quali i ruoli specifici nel contesto generale della gestione delle politiche urbane e del processo pianificatorio in particolare?

9) A Castelbuono esiste l’Associazione dei Tecnici “Citt? e Territorio”. Che ruolo, secondo Lei, potrebbe avere in futuro nel dibattito culturale urbano?

10) Quale augurio formulerebbe a Castelbuono?