Le precisazioni del MeetUp M5S sui cattivi odori dell’impianto di Compostaggio di C.da Cassanisa

Ci corre l’obbligo di fare delle doverose precisazioni a seguito della nostra segnalazione dei cattivi odori provenienti dall’impianto di Compostaggio di C.da Cassanisa alla Società di Regolamentazione Rifiuti (S.R.R.) ed in particolare all’attenzione di quello che oggi attraverso un post del locale blog Castelbuono.org apprendiamo non essere più Commissario Straordinario nella persona del Dr. Francesco Mannone. Ce ne scusiamo, anche se sul sito della S.R.R. ancora oggi il Dr. Mannone risulta facente parte del Consiglio di Amministrazione.

(http://www.srrpalermoprovinciaest.it/consiglio-amministrazione.html). 

Ma al di là di questa svista precisiamo che la segnalazione è stata comunque inviata all’indirizzo della Società (srrpalermoprovinciaest@legalmail.it) e a tutt’oggi non abbiamo in ogni caso avuto risposta da nessun membro della società.

Mentre una risposta l’abbiamo ottenuta dal nostro Sindaco di Castelbuono Mario Cicero (come potete vedere dalla foto che vi alleghiamo)

Risposta che non ci soddisfa e che anzi ci lascia addirittura molto perplessi. Poiché normalmente se il conferimento della frazione umida e il processo di compostaggio fossero ben controllati (dal conferimento alla maturazione), grazie all’utilizzo di appositi filtri, gli odori sgradevoli potrebbero e dovrebbero essere e molto limitati alla zona dell’impianto, ma così non è in realtà!

Ed onestamente riteniamo che il Sindaco Mario Cicero quando afferma quanto segue… 

“Mi sembra altresì normale, che qualsiasi impianto produttivo sprigioni odori, dal pasticciere al panificio al meccanico ecc…”

voglia un po’ minimizzare il disagio che molti cittadini subiscono quotidianamente (soprattutto quelli delle nelle zone limitrofe, non dimenticando una importante struttura ricettiva sita vicinissima all’impianto). Disagio analogo, che provano anche altri cittadini “un po’ più fortunati” e più distanti, suol perché raggiunti dai miasmi solo in base alla direzione favorevole del vento.

In conclusione non vogliamo né ripeterci e né tanto meno vogliamo polemizzare ulteriormente. Abbiamo inoltrato la segnalazione direttamente alla S.R.R. e la inoltreremo, così come suggerita dal Sindaco Cicero, alla Società Ecologia e Ambiente. 

Continueremo a tenere alta l’attenzione (anche tramite i nostri portavoce del MoVimento 5 Stelle) e continueremo a dare voce alle segnalazioni di quei cittadini che continuano a vivere un grosso disagio; del quale comprendiamo sia causato sì, dalla necessità di dover tenere aperto un impianto per via della carenza degli stessi in Sicilia, ma che risulta altresì, come si evince dalle parole dell’ing. Salvatore Cocina (nel video sulla conferenza tenutasi a Palermo dall’Associazione Zero Waste Sicilia) che da sempre l’attenzione a ciò che arriva presso gli impianti di compostaggio (e il nostro MeetUp e il MoVimento 5 Stelle lo dicono da tempo) è stata più votata a liberarsi di “un rifiuto” che a recuperarlo* (e questo vale in generale per la raccolta differenziata, concetto ribadito più volte durante la Conferenza Zero Waste Sicilia).

MeetUp MoVimento 5 Stelle Castelbuono

Post Scriptum

*Ci fa piacere apprendere a mezzo stampa dalle parole del Sindaco che oggi il compost venga anche venduto. Poiché fino a poco tempo fa anche se distribuito in forma gratuita, non veniva molto apprezzato a causa dei residui eccessivi di plastica, vetro, blister medicinali, batterie esauste etc. che venivano ritrovati, nonostante nel processo di vagliatura il compost veniva separato dai sovvalli da smaltire in discarica, evidentemente forse oggi c’è più controllo nella frazione umida in arrivo.  Anche se per valutare la reale qualità della frazione e comprendere la performance complessiva dell’impianto dal punto di vista del recupero materia, occorrerebbe avere una qualche contezza, oltre che del dato “qualitativo” generico, anche di quello “quantitativo”(quantità di compost di qualità prodotto in relazione ai quantitativi di rifiuto conferito).

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.