Lettera dei Parroci: “Vogliamo far giungere una parola che invita a raccogliere”

[RICEVIAMO E PUBBLICHIAMO] Castelbuono 7 ottobre 2014

Cari castelbuonesi,
l’autunno ci ricompone dopo le variazioni dell’estate. Abbiamo avuto modo di celebrare la nostra religiosità in maniera corale con le feste. Abbiamo iniziato con la Solennità del Corpo e del Sangue del Signore, e poi la grande riunione attorno alla Madre Sant’Anna, il ricordo della Madonna S.S. con l’Assunzione e la Natività, poi il S.S. Crocifisso per concludere con la Madonna del Rosario. Da notare il pellegrinaggio a S. Lucia di Campagna. Ci auguriamo che queste nostre belle feste diventino sempre più occasione di gioia e manifestazione di autentica fede. Ora riprende il ritmo della vita ordinaria:
Ricomincia la scuola per i nostri bambini, i nostri ragazzi i nostri giovani. Si ritorna alla normalità del lavoro le cui difficoltà, precarietà, spesso mancanza si fanno sentire più acute.
In questo clima di ripresa vogliamo far giungere una parola che invita a raccogliere e accogliere la Voce discreta ma insistente dello Spirito Santo che ridesti la fede, aiuti la speranza, dia vita alla carità.
Per questo vi esortiamo tutti, papà e mamme, ma anche nonni a incoraggiare i bambini alla presenza attiva nel catechismo delle parrocchie. I genitori più che inviarli alla Messa domenicale, li accompagnino con convinzione: l’esempio farà più presa nella loro formazione. L’esperienza del momento eucaristico sarà la continuazione naturale della istruzione cristiana che anche gli insegnanti impartono nella scuola statale.
Il pensiero oltre che ai bambini e ai ragazzi va come sempre ai giovani. La loro verde età è carica problemi, attese, drammi. Per loro, i giovani, il Signore ci offre quest’anno la presenza di P. Lorenzo Marzullo, della sua lunga esperienza di parroco e dell’intesa che ha saputo stabilire con i giovani.
Con generosità ha chiesto al Vescovo di svolgere la missione sacerdotale in Equador per alcuni anni. Ora si trova nella natia Castelbuono e con il nostro Vescovo Vincenzo, incontrando il suo desiderio e il suo carisma, gli abbiamo chiesto di dedicarsi ai giovani. Noi parroci, accogliamo questa inattesa opportunità e vogliamo presentarla alla comunità. Sede operativa dell’attività, sarà la Chiesa di Itria in piazza. Ne ringraziamo il Signore e lui P. Lorenzo e gli assicuriamo sostegno, comunione e aiuto.
Richiamiamo infine l’attenzione delle famiglie sulla “Famiglia”. Il S. Padre Francesco con il Sinodo dei Vescovi, ne sta studiando la grandezza, il mistero i problemi. Non manchi la nostra partecipazione e la nostra preghiera.
Come conclusione vi esortiamo a vivere con intensità interiore i misteri del Signore che l’anno liturgico ci offre: il Natale, la Pasqua, la Pentecoste. L’incontro con il Signore in queste grandi ricorrenze renderà più leggero il soffrire e darà senso alle gioie della vita.
Ci protegga e ci accompagni la Madre Santissima del Signore, la Madre Sant’Anna il nostro concittadino e compatrono S. Guglielmo le cui reliquie, come sapete, sono ormai esposte nella restaurata cappella della Chiesa della Madrice Nuova.
Vi Benediciamo
P. Angelo Calì
P.Santino Di Gangi
P. Mimmo Sideli

 

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.