Lettera di Carmelo Mazzola a Lavoceweb.com

[LAVOCEWEB.COM] In riferimento all?articolo pubblicato sul vostro sito in data 11 marzo 2012 con l?intitolazione: ?Colpo di scena a Castelbuono ? I veleni delle primarie ? Lo sconfitto va a destra?, chiedo la seguente rettifica.
Il sottoscritto è stato, è e rimane un aderente al Pd per cultura, formazione e scelta e mai potrei, tranne impazzimento, andare a destra.
Le primarie sono state, all?interno del gruppo dirigente, un momento di confronto tra due modi diversi di intendere la politica e l?amministrare. Non mi sono sentito tradito per il mancato ?approdo naturale di una lunga carriera politica?, ma per un intervento del sindaco e della giunta, a pochi giorni dello svolgimento delle primarie, che, pur avendo dichiarato che avrebbero svolto un ruolo super partes, hanno avuto un peso determinante sull?esito del voto. È venuta a mancare, quindi, la stima e la fiducia. Faccio presente che dei circa 30 dirigenti che nel 1992 hanno iniziato un percorso nuovo, che li ha visti governare per 20 anni Castelbuono, sono rimasti, oggi, il sindaco, il vice-sindaco e pochi altri. Ciò dovrebbe far riflettere!
La scelta che diversi dirigenti del Pd hanno fatto di aderire ad una lista che propone la candidatura a sindaco di Antonio Tumminello non è assolutamente un andare a destra. ?Castelbuono in movimento? è una lista civica che vede la presenza prevalente di uomini di centro, di centro-sinistra (consiglieri comunali, ex amministratori, un ex sindaco, ex segretari del Pd, esponenti della Cisl che votano Pd) e solo qualche presenza di uomini del centro-destra. Ma perché l?espressione ?svolta a destra? non viene fatta per ?la lista Norata?, considerata la presenza in giunta e in lista di diversi esponenti dell?Udc e di qualche elemento del centro-destra?
L?obiettivo è quello di screditare ed isolare Carmelo Mazzola ed altri dirigenti del Pd? Tentativo miseramente fallito e che non intacca la storia, la dignità, e l?operato di un gruppo di dirigenti del centro-sinistra che hanno lavorato con passione e dedizione per tanti anni per lo sviluppo democratico, economico e sociale di Castelbuono.