L’inconsistente coesistenza dei partiti dell’Unione

mariobosss.jpgIl macchiavellico arcana imperii resiste ancora oggi e segna profondamente la strada di un dibattito inaridito dalla (pre)potenza e dall’astuzia, checchè se ne voglia, di Super Mario Boss. Resta solo poco tempo per spodestare il re pazzo e i suoi vassalli. Riusciranno i nostri eroi a tornare vincitori?

Bisogna ammettere che forse bisognava pensarci prima. Che forse tutto il dissenso politico, che si è manifestato in questi anni, non si è saputo convogliare in dissenso sociale (?i numeri contano?-direbbe qualcuno). Aggiungerei poi che è mancato (manca) il cavallo giusto per disarcionare Super Mario Boss dalla sella. Siamo agli sgoccioli di una partita giocata in maniera scorretta da parte dell’ormai meglio soprannominato ?Piddiri? a cui sono seguite reazioni pasticciate nei modi, ma profumate nel loro profondo senso politico da parte del P.R.C. Gli atri piccoli, (Nuova Primavera, Italia dei Valori, l’agonizzante SDI, il fantasma dell’UDEUR e il Lab. Politico) hanno detto molto e anche bene, fatto abbastanza ma con poca efficacia.

Ora non resta che riorganizzare le ultime idee. Capire se l’alternativa è possibile e praticabile oppure bisognerà aspettare che il ?male minore necessario? sconfigga di nuovo i buoni, in attesa di tempi migliori.

Poi comunque sarà tutta da vedere. Più in là, ma proprio poco più in là ci sono le urne che ci aspettano e il loro giudizio sarà veramente “insindacabile”.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.