“L’integrità morale del Direttore Maiorana ?al servizio della comunità? “

[RICEVIAMO E PUBBLICHIAMO] Mi chiedo spesso perché l’uomo, per esprimere il proprio pensiero, abbia bisogno di ricorrere alla cattiveria, alla volgarità, ad essere offensivo e falso, incurante del fatto che il suo agire possa provocare ad altre persone, amarezza, dolore, o peggio ancora, possa delegittimare istituzioni il cui compito è di garantire il rispetto e i confini per preservare le fondamenta della nostra democrazia.
Non voglio alimentare inutili polemiche, il cui sapore non avrebbe nulla di confronto o di cronaca, ma far riflettere i lettori ed elettori per evitare errate interpretazioni.
Per pochi mesi ancora rivesto l’incarico di Sindaco, che mi impegna al rispetto delle buone prassi di convivenza civile (il saluto, la comprensione umana…).
Dal prossimo giugno sarò libero cittadino e allora sarà un altra storia.
Al fine di evitare false interpretazioni, questa volta, porrò alcune domande al Direttore del periodico in ordine all’articolo pubblicato il 23 ottobre 2011 sull’Obiettivo e a firma dello stesso.
Mi auguro che le domande che di seguito elencherò, possano avere delle esaustive risposte e che possano finalmente fornire la veridicità sulla presunta gestione affaristica, clientelare, criminale, e forse anche mafiosa ?e chi più ne ha più ne metta…? del Sindaco Cicero Mario in questi dieci anni , descritta dal Direttore Maiorana.
Ecco le mie domande:

1/2 Perché ?
1. Spieghi come si è costruito ? il consistente pacco di voti l’attuale Sindaco Mario Cicero?
2. Quale schifezze bisogna ripulire nel palazzo municipale?
3. Quale pregiudizio democratico si andrebbe a creare se Mario Cicero va a ricoprire la carica di Presidente del Consiglio Comunale?
4. Perché Lei, con i soldi dei contribuenti, può fare il giornalista su due giornali di cui uno personale, ?campando? alle spalle degli stessi in quanto il suo stipendio è pagato da un’ associazione (al fallimento) finanziata dalla Regione?
5. Quali cariche ho pescato e quali ho elargite e in quali organismi?
6. Indichi quali sono queste logiche e le tipologie democristiane di un tempo, riproposte?
7. Indichi quali interessi messi insieme che sono diventati blocco unico, rappresenta il Sindaco Cicero?
8. Ci dica come vive e sta la gente a Castelbuono?
9. Perché non va a controllare le spese di rappresentanza e di promozione culturale, turistica di Castelbuono e non li pubblica?
10. Conosce Antonio Maiorana,cosa fa, se è un bravo professionista e se ha parentela con Lei, quanto ha guadagnato in questi anni collaborando con l’amministrazione?
11. Ci dica se è a conoscenza dello studio realizzato dalla Camera di Commercio di Monza e Brianza e cosa dice lo stesso delle Madonie?

Auspico che a fronte di queste undici e mezza domande, possa ricevere risposte altrettanto precise e chiare, permettendo così di fare luce sul cosiddetto ?male affare? che ha gestito in questi ultimi anni Castelbuono.

Cordiali saluti.

Il Sindaco
Mario Cicero