L?Ora, storia del giornale che sfidò mafia e potere

[LAVOCEWEB] Gli incontri d?estate propongono questa sera a Cefalù un appuntamento con la storia del giornale L?Ora: una testata che ha interpretato il modello di un?informazione moderna e che ha lasciato una traccia profonda nel giornalismo italiano. L?occasione è la presentazione di un libro curato da Franco Nicastro e Michele Figurelli, ?Era L?Ora?, che raccoglie i contributi di giornalisti e uomini di cultura su una stagione straordinaria: l?epoca della direzione di Vittorio Nisticò.
Con Franco Nicastro ne parleranno Marcello Sorgi, editorialista de La Stampa (ne è stato anche direttore), Francesco La Licata, giornalista dello stesso quotidiano, Mario Lombardo che per tanti anni è stato corrispondente dell?Ora da Cefalù. Tutti hanno avuto con il giornale palermitano un rapporto fortemente intrecciato con le proprie storie professionali: Sorgi, La Licata e Nicastro (che dell?Ora è stato anche vice direttore) si sono formati nella redazione di quel quotidiano negli anni in cui si conquistò una notorietà anche internazionale.
In quel periodo L?Ora rappresentava un?importante laboratorio giornalistico. Era impegnato nelle battaglie cruciali per la modernizzazione della Sicilia, curava clamorose inchieste sulla mafia e sui suoi intrecci con il potere, denunciava il malcostume politico, interpretava i processi di cambiamento del costume e le rivoluzioni sociali della Sicilia.
Come dice il sottotitolo del libro, era insomma un giornale che fece ?storia e scuola?. Con Nisticò si formarono e si affermarono tre generazioni di giornalisti che sono entrati nel grande giro nazionale con ruoli molto importanti.
Per questo impegno, per questo modo di interpretare la funzione del giornalismo L?Ora pagò un prezzo altissimo. Tre suoi cronisti sono stati uccisi. La scomparsa di Mauro De Mauro (settembre 1970) è ancora oggi un grande mistero irrisolto. Fu preceduto dall?assassinio di Cosimo Cristina, corrispondente da Termini Imerese, e di Giovanni Spampinato corrispondente da Ragusa. L?uno e l?altro avevano portato in provincia la cultura e i metodi di un giornalismo coraggioso.
L?appuntamento è per oggi, mercoledì 25 luglio, alle 21 alla corte delle stelle in corso Ruggero a Cefalù.
25.07.2012