Ludibrio sul conflitto di interessi

Poesiuole
vocabolipersiperversi

Ludibrio sul conflitto di interessi

Solstizio poetico e premio divino

Il noto politico giocondo
aveva abbandonato questo mondo,
e mantenendo bassa la sua fronte
attraversava mesto l?Acheronte:
consapevole di averle fatte grosse
temeva il celebre verdetto di Minosse,
temeva l?espiazione dei peccati
ed il ludibrio degli altri condannati.

La coda del giudice infernale
attorcigliavasi in modo originale
e a tutte le persone pi? propinque
il numero dei giri sembr? ? quattro.
Pur se il politico non era un indovino
con il quattro ci andarono vicino.

Il contrappasso vuol cos? che cessi
questo immorale conflitto di interessi:
andare tutto il giorno per la via?
parlando male di enogastronomia.

Il politico non apparve divertito
quando, con pelle di asino vestito,
gli venne imposto con un poco di malizia
di caricarsi ai fianchi l?immondizia.

Per quanto fece ai giovani locali
venne ?premiato? con pene inusuali:
barcollava nella sua andatura
probabilmente per la birra scura
ed agitava forte la sua coda
per avere bevuto whisky e soda.
Sopra il ponte l?epitaffio dei cretini:
?Tolse le palme e mise i tavolini?.

Un diavolo con molta tracotanza
gli fece onore della cittadinanza
e gli disse con un ghigno assai bonario
?sei il miglior cittadino onorario?.

Per aumentare la turistica attrazione
venne intrapresa pure un?altra azione:
un giornalista con un forcone in mano
gli punzecchiava forte il deretano.

Ogni riferimento alla politica locale
potrebbe pure non essere casuale.

La Sgricia

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.