L’Ulivo per Castelbuono chiede di sospendere la procedura di rimozione di materiali su suolo pubblico per concessioni scadute

[Riceviamo e pubblichiamo] L’Ulivo per Castelbuono con Unione Civica di Centro scrive al Sindaco per chiedere di sospendere la procedura di rimozione di materiali su occupazione suolo pubblico per concessioni permanenti scadute, nelle more dell’approvazione del regolamento da parte del Consiglio comunale. Ecco il testo:

Qualche giorno fa, il Comando della Polizia Municipale ha provveduto a diffidare i detentori di autorizzazione alla somministrazione al pubblico di alimenti e/o bevande, titolari di concessioni di occupazione del suolo pubblico permanente scadute, a rimuovere i manufatti ed i materiali che occupano il suolo pubblico. Assegnando loro un termine per adempiere.
Come ricorderà, l’amministrazione comunale da alcuni mesi ha posto la questione dell’adozione di un regolamento che disciplini la materia e dopo il confronto con la Soprintendenza dei Beni Culturali, la conferenza dei capigruppo, in ultimo, ha ripreso l’argomento nella seduta del 14 gennaio scorso. In quella sede, l’Ufficio ha preso l’impegno a ripresentare il testo alla luce della discussione che si è svolta.

Il nostro gruppo consiliare ha sempre confermato l’opportunità di dotarsi di un regolamento, che peraltro era stato già approntato sul finire della precedente consiliatura. Tuttavia, in questo momento, nelle more che il Consiglio comunale approvi il testo del regolamento in argomento, riteniamo opportuno che debba sospendersi la procedura di rimozione dei manufatti e materiali. Infatti, si verificherebbe la circostanza che le ditte interessate, oggi, devono rimuovere il predetti materiali sostenendo i relativi oneri, e fra qualche settimana potrebbero ricollocarli alla luce del regolamento approvato, con la conseguenza di dover sostenere ulteriori oneri. Pertanto, si chiede di voler disporre i conseguenti atti di indirizzo.

Castelbuono, 28 gennaio 2015

Il capogruppo consiliare
Giuseppe Fiasconaro”

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.