L’Ypsi getta la spugna. Seconda fase del torneo abbandonata causa mancanza di palestra in casa

Nonostante la sconfitta subita con la Cefalù Volley al termine di 5 giorni di trasferte consecutive il Castelbuono ottiene il pass per la fase successiva del campionato under 15 provinciale grazie alle 4 vittorie su sei gare disputate che valgono il secondo posto in classifica, purtroppo però l’Yspi è costretta al ritiro in quanto non è possibile affrontare un altro girone interamente in trasferta a Palermo e Monreale per la seconda fase.

Le ragazze hanno dato tutto, lottando con il freddo e la pioggia per gli allenamenti e giocando sempre fuori casa, stanche, ma coltivando il sogno di provarci comunque e nonostante non avessero neanche un posto dove allenarsi, alla fine, porteranno con se la sensazione di averci provato, di aver dato comunque tutto quello che potevano.

E’ triste ammetterlo ma ha vinto il Preside (che non ha neanche voluto riceverci per parlare), ha vinto la scuola e in generale il silenzio di una comunità che da anni accetta tutto questo senza fare nulla di concreto.
Non sappiamo se riusciremo a riprenderci da questo duro colpo e se ci saremo ancora il prossimo anno, ma per nostra fortuna, adesso, inizia il periodo più bello, con l’estate infatti i ragazzi potranno giocare all’aperto nel campo da beach del TCC senza dover chiedere niente o dipendere da qualcuno. (in allegato il programma delle manifestazioni estive 2021)

In quanto responsabile di questa Società voglio ringraziare l’amico consigliere Sottile per le belle parole nei nostri confronti scritte in un articolo pubblicato giorni scorsi e da normale cittadino vorrei esprimere il mio pensiero e porre una domanda alla Comunità.
Non sappiamo come mai Castelbuono non ha una palestra coperta, a differenza di tutti gli altri paesi del circondario, da Isnello a Pollina, da Finale a Collesano, questa è una domanda a cui forse saprà rispondere chi ci ha preceduto negli anni… Periodicamente viene fuori la proposta di costruire finalmente una palestra anche a Castelbuono, vedo tanti bellissimi progetti che spero un giorno vedranno la luce e che daranno lustro all’intera comunità, ma di certo richiederanno tempo e tanti soldi… Nel nostro paese però in realtà una palestra esiste già, ed è una delle più belle della zona, quella del Liceo e se non sbaglio questa struttura è stata costruita con denaro pubblico, quindi la scuola dovrebbe utilizzarla in forma prioritaria ma non in maniera esclusiva!
Non è un controsenso tenerla chiusa agli stessi ragazzi che la mattina invece possono utilizzarla? E poi, la funzione di queste strutture costruite con denaro pubblico non è quella di essere al servizio della comunità? Essere una risorsa per il territorio piuttosto che un limite?
Il covid ha certamente complicato ulteriormente le cose ma noi da 10 anni lottiamo per poter utilizzare quella Palestra e ogni anno tramite enormi lungaggini burocratiche, tra fideiussioni, firme, limitazioni e documenti da presentare, dopo aver pagato anche in anticipo, riusciamo il più delle volte ad ottenerla, ma con un solo bagno, un solo spogliatoio e un minuscolo deposito per le attrezzature. Nonostante tutto ci adeguiamo, però non possiamo giocarci, percui siamo costretti ad affrontare interi campionati in trasferta con tutti i rischi e le complicazioni che questo comporta. Ecco perché mi domando se è normale tutto questo… se non ci fosse qualcuno che si batte per un qualcosa che ritiene un diritto negato cosa farebbero questi ragazzi? Eppure ci lamentiamo che non fanno nulla, che il paese si sta svuotando e offre sempre meno… intanto molte generazioni come la mia hanno giocato intere carriere in trasferta e a prescindere dal valore sportivo, avremmo avuto il diritto di giocare per il nostro paese NEL nostro paese, davanti a genitori, familiari e amici, invece, a distanza di anni, non é cambiato nulla, e ricordo, infine, che pochi anni fa Castelbuono è stata eletta Città Europea dello Sport, una beffa… Almeno per noi.

R. Mitra
ASD Ypsivolley

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.