Madonie, concessione beni pubblici

[LAVOCEWEB] Dall?ex carcere di Gangi all?ex convento degli Agostiniani di Geraci Siculo, dal parco geopalentologico di Lascari alla futura stazione di partenza della funivia di Termini Imerese. Scade il prossimo 15 marzo il bando per la manifestazione d?interesse teso ad ottenere la concessione e l?utilizzo, per 15 anni, di alcune strutture pubbliche ubicate nel territorio compreso tra le Madonie e Termini Imerese. L?iniziativa che rientra all?interno del Po fesr 2007-2013, sviluppo urbano sostenibile, ? il primo passo per l?attivazione e redazione dei Piani Integrati per lo Sviluppo Territoriale (Pist) ed i Piani Integrati di Sviluppo Urbano (Pisu). Del sistema PIST ?Citt? a rete Madonie-Termini? al quale offre supporto tecnico la Sosvima ne fanno parte l?Ente Parco delle Madonie, la Provincia Regionale di Palermo e 27 comuni del palermitano: Alimena, Aliminusa, Blufi, Bompietro, Caccamo, Caltavuturo, Campofelice di Roccella, Castelbuono, Castellana Sicula, Cefal?, Cerda, Collesano, Geraci Siculo, Gratteri, Isnello, Lascari, Montemaggiore Belsito, Petralia Soprana, Petralia Sottana, Polizzi Generosa, Pollina, San Mauro Castelverde, Sciara, Scillato, Sclafani Bagni, Termini Imerese e Valledolmo. Con la manifestazione d?interesse per la gestione dei beni pubblici si punta al coinvolgimento degli operatori privati attraverso l?istituto della concessione. ?E? un importante strumento di sviluppo territoriale ed occupazionale ? ha detto Giuseppe Ferrarello sindaco di Gangi comune capofila del Pist ? i nostri uffici si sono gi? attivati per dare tutte le informazioni necessarie?. I beni che una volta completati e realizzati sono a: Caltavuturo, la realizzazione di un sentiero naturalistico, del Parco della Targa Florio e di un parcheggio per caravan; il restauro di un mulino ad acqua e dell?antico borgo; l?illuminazione del sentiero della Rocca di Sciara. A Gangi si punta alla riqualificazione dell?ex carcere da destinare a museo ambientale e a serra per l?allevamento delle farfalle con mostra permanente di farfalle e insetti di origine tropicale; un laboratorio didattico; ma anche locale bar, punto vendita per prodotti artigianali; foresteria e ristorante. A Geraci Siculo al recupero dell?ex Convento degli Agostiniani da destinare a servizi di accoglienza, attivit? congressuali, servizi culturali e sale multimediali e alla rifunzionalizzazione dei locali dell?ex scuola media unitamente alla palestra coperta e attigui campi da tennis da destinare a servizi di ospitalit? e centro benessere. A Isnello al recupero del Camping di Contrada Mongerrati per finalit? ricettive a servizio del Parco Astronomico delle Madonie. Nel comune di Lascari invece sar? realizzato un Parco Geopalentologico e un percorso sulla flora mediterranea, dotato di anfiteatro di circa 600 posti, punto di ristoro e laboratorio didattico. A Petralia Soprana l?ex serbatoio idrico sar? destinato a Parco della Memoria con aula multimediale con due laboratori, uno del gusto e degli odori e l?altro del video e della memoria. Consistenti gli interventi per il comune di Termini Imerese dove ? previsto la riqualificazione di un?area in prossimit? del porto, del parco termale, della futura stazione di partenza della funivia Termini alta ?Termini bassa. L?intervento prevede la realizzazione di un parcheggio per 250 posti auto e 18 posti per car sharing, area di sosta per 8 caravan e 8 autobus turistici; la realizzazione di una piazza-terrazza sul mare, funzionale alla funivia, con 3.000 posti a sedere; E? previsto anche la realizzazione di un centro di servizi alle imprese per lo sviluppo turistico regionale. I destinatari dei bandi sono piccole, medie e grandi imprese consorzi, enti, organizzazioni no-profit, fondazioni e cooperative. La durata della concessione di 15 anni ? rinnovabile. Le proposte dovranno pervenire, entro il 15 marzo, presso l?Ufficio Protocollo del Comune ove ? ubicata la struttura per la quale si presenta la manifestazione di interesse. Poi sar? una commissione a valutare le proposte e sar? data priorit? alle proposte che prevedono occupazione di giovani, donne, Lsu, lavoratori in mobilit?.
03.03.2010