Mega truffa nel mondo della Sanità. Scatta il sequestro per la LATO di Cefalù

giglio_cefalu624

[livesicilia.it] PALERMO – Si indaga su una mega truffa nel mondo della sanità siciliana e scatta il sequestro per equivalente della società consortile Lato, Laboratorio di tecnologie oncologiche HSRGiglio di Cefalù, partner della Fondazione Istituto San Raffale Giglio che gestisce l’ospedale in provincia di Palermo.

La finanza è piombata negli uffici della società. Il sequestro urgente è stato disposto dalla Procura della Repubblica di Palermo fino a raggiungere e coprire la somma di 12 milioni di euro. A tanto ammonterebbe il danno subito dallo Stato e dall’Unione europea. Un danno provocato della truffa aggravata e organizzata, secondo l’accusa, dalla Laboratorio di Cefalù.

Sono pesanti i nomi delle persone sotto inchiesta. A cominciare da Ferruccio Fazio, ex ministro alla Salute del governo Berlusconi, e legale rappresentante della Laboratorio di tecnologie oncologiche dal 2005 al 2008. Indagati pure il successore di Fazio, e attualmente in carica, Antonio Emilio Scala e Maria Cristina Messa, responsabile dei progetti di ricerca e formazione.


Ed è proprio sulla ricerca e la formazione che si sarebbe giocata la partita della presunta truffa. Secondo i finanzieri e il pubblico ministero Claudia Bevilacqua, la società, per incassare più soldi di quanti gliene spettassero, avrebbe gonfiato i costi di un progetto di ricerca finanziato dal mistero dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca. Si tratterebbe del progetto che prevedeva lo studio e il trattamento dei tumori della mammella. La società Laboratorio di tecnologie oncologiche HSRGiglio (Lato) è nata per dare al “Polo Oncologico di Cefalù”. La prima tappa è stata, nel 2008, l’apertura del Centro di Bioimmagini e Radioterapia con apparecchiature e protocolli sanitari di eccellenza.

Nell’inchiesta della Procura la Lato è chiamata a rispondere, in quanto beneficiaria dei contributi, dell’illecito amministrativo previsto quando la truffa viene commessa ai danni dello Stato o di un ente pubblico. I finanziamenti previsti ammontavano a 21 milioni di euro, di cui più di 12 già erogati.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.