Miccoli e l’orgoglio di una città contro l’ex capitano

Cartolina per il capitano del Palermo Fabrizio Miccoli, indagato per estorsione. Avrebbe commissionato al figlio del boss Nino Lauricella detto ??u scintilluni? il recupero di alcune somme di denaro.
Ma la notizia che sembra aver sradicato per sempre l’ex capitano dai cuori dei palermitani sono le frasi ingiuriose nei confronti del giudice Giovanni Falcone, emerse dalle intercettazioni: «Vediamoci davanti all?albero di quel fango di Falcone», dice Miccoli a un amico mentre è insieme a Mauro Lauricella. In un altro caso i due cantano insieme «Quel fango di Falcone».
Ma se questa volta è davvero compatta la reazione nei confronti di un milionario idolatrato per anni; se la curva, la città, la provincia, non faticheranno ad azzerare quella generosa stima accordata ad un uomo comunque non proprio illuminato (oltre le qualità da calciatore)… allora, forse, c’è da essere ottimisti. Vuoi vedere che le scale di valori cominciano a funzionare anche a Palermo?