Musotto ha deciso: l’acqua ai privati.

Un tazebao di Sinistra Democratica, di cui pubblichiamo di seguito il contenuto, informa sugli ultimi sviluppi della vicenda della privatizzazione dell’acqua e sulla conseguente raccolta firme in programmma oggi in piazza Margherita dalle 18 alle 21.

Giorno 14 c.m. è stata firmata la convenzione di affidamento del servizio idrico alla società “Acque Potabili Siciliane”, i cui titolari sono importanti gruppi imprenditoriali del Nord [Torino, Genova, Coop Emiliane, etc…]
L’affare del secolo non si ferma nemmeno davanti al parere negativo dell’Antitrust e al procedimento davanti al TAR.

Le pressioni a far presto hanno prevalso, visto che la Camera dei deputati ha approvato la moratoria della privatizzazione proposta dal PRC e dai Verdi.

Facciamo appello ai Castelbuonesi
ad opporsi a questo affare che provocherà lo scippo di una risorsa essenziale e comune e forti rincari delle tariffe.

Le decisioni della Giunta Provinciale e di gran parte dei Sindaci dell’ATO idrico di Palermo sono state supportate dal vergognoso silenzio di quasi tutte le forze politiche della Sicilia che sperano di avere fette consistenti della torta da spartire.

Seguiremo con attenzione i comportamenti che saranno posti in essere dall’Amministrazione in carica, assumendoci il compito di rendere pubbliche eventuali scelte antipopolari e contro i beni comuni.

—–

Giovedì 21 p.v. continua la raccolta delle firme per la legge sulla gestione pubblica dell’acqua in piazza Margherita dalle ore 18 alle 21.

SINISTRA DEMOCRATICA

5 Commenti

  1. Non so come funzioni li’, ma qui a Napoli c’è una società, la Gori, che è prevalentemente pubblica…e che funziona, meglio della gestione comunale…prima d’incolpare chiunque, vi sarà utile sapere che la privatizzazione dell’acqua fu decisa da una legge del ’94, la legge Galli, e al governo c’era il polo…beh, sapete con ki prendervela

  2. …ho visto un’Isola in mezzo al mare senza problemi di approviggionamento idrico;
    ho visto una rete idrica non disperdere una goccia d’acqua;
    ho visto in ogni casa di questa Isola a qualsiasi ora del giorno e della notte sgorgare dai rubinetti acqua corrente;
    ho visto i campi irrigati “a prisa”;
    ho visto i Cittadini pagare una tariffa giusta….
    ho Sognato la POLITICA assumersi la responsabilità di questa VISIONE e non può il dibattito ridursi ad uno scontro ideologico acqua pubblica – acqua privata…
    che senso ha la gestione pubblica di un’acqua che non arriva nei rubinetti perchè manca o perchè si perde?? che senso ha la gestione privata di un’acqua che arriva solo nei rubinetti di coloro che possono permettersi di pagare tariffe per altri insostenibili?????
    La soluzione ottimale è una gestione pubblica con l’efficienza di gestione propria delle società private oppure una gestione privata che salvaguardi la funzione pubblica del servizio….perchè prima di tutto deve essere rispristinato e garantito un servizio da Paese che siede al tavolo del G8..l’acqua per tutti al costo giusto!

  3. Partiamo da un dato di fatto:
    i privati se sono interessati così tanto alla gestione delle acque un motivo ci sarà pure, ovviamente il profitto.
    Chi pagherà il profitto di questa gente?
    Chi pagherà il mancato profitto dovuto a elargizioni di acqua a prezzi simbolici ai mafiosi di turno?
    Chi pagherà lo stipendio a tutti quelli assunti per fare un favore a questo o quel politico?
    Chi pagherà lo stipendio multimilionario ai manager?
    Chi assicura che la rete venga ammodernata veramente?

    “ho visto un?Isola in mezzo al mare senza problemi di approviggionamento idrico;
    ho visto una rete idrica non disperdere una goccia d?acqua;
    ho visto in ogni casa di questa Isola a qualsiasi ora del giorno e della notte sgorgare dai rubinetti acqua corrente;
    ho visto i campi irrigati ?a prisa?;”

    Vicè svegliati queste cose non accadranno mai da noi, io mi accontenterei di vedere le cose in futuro più o meno come sono adesso, perchè se non piove hai tempo di ammodernare la rete ma l’acqua non arriverà lo stesso.
    Ma pensi veramente che il privato si metta a riparare tutte le condotte e ammoderni gli impianti? forse al nord italia, da noi tirerebbe tutto all’osso facendolo pagare alla popolazione.

  4. …esiste una possibilità…il Piano di Convergenza 2007-2013…per la captazione di nuove risorse idriche (dissalatori- trivellazioni) e per rifare la rete idrica…una Classe Dirigente è tale quando riesce a dare risposte concrete ad un popolo che sogna…io voglio continuare a sognare!

  5. Il problema è ke a me l’acqua ai privati fa davvero schifo…ma l’utopia del servizio pubblico efficiente potrebbe essere realizzata, se solo si desse la possibilità ai comuni di flessibilizzare l’elefantiaca macchina burocratica…in realtà non vul dire nulla, maio ci ho messo il significante..sta a voi metterci il significato

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.