Noi non ci saremo – “le quattro mura”

[clicca sull’immagine per ingrandire]

 

 

 

– Non c’? altro da vedere… non c’? altro da vedere?!? ma stiamo scherzando? soltanto la superficialit?, la banalit?, la convinzione di non avere un mondo alla propria altezza pu? far giungere a gettare, come usato e inutile, il mondo che ci circonda! Siamo noi, con i nostri occhi sempre nuovi, a riscoprire quelle quattro mura che ci circondano. Per carit?, la prospettiva lascia sgomenti! Se gi? non possiamo conoscere un luogo perch? ? necessario riscoprirlo continuamente come si pu? pensare di Conoscere come si ? sempre inteso attraverso il viaggio? E’ un p? come con i libri o la conoscenza: si vorrebbe possederla interamente ma si ? consapevoli che la vastit? del desiderio non potr? mai essere soddisfatta. E cosa si pu? fare a questo punto? Semplice… si viaggia in ogni istante della vita per raggiungere mete lontane attraverso momenti quotidiani, si viaggia quando si pu? nei luoghi di cui si ? solo sentito parlare, si viaggia con la fantasia. Ma quelle quattro mura ci ricordano sempre il punto di partenza e di arrivo, ci ricordano quanto si possa viaggiare senza spostarsi mai da casa. Ogni muro ha la sua storia, infinite crepe percorrono strati e strati d’intonaco, magari degli uccelli hanno la loro casa sulla sua sommit?, ogni muro divide due spazi, regge un ulteriore piano, nasconde qualche segreto. Il segreto di rivedere ci? che si ? sempre visto.

[clicca qui per leggere gli ?articoli precedenti]