Noi non ci saremo / venerdì santo

Avevo anticipato grandi cambiamenti.

Purtroppo, o per fortuna, siamo abituati a studiare, verificare, cercare, scoprire, dialogare e quella che sembrava una semplice incursione nelle vicende architettoniche di questa città per una puntata fuori dal comune si sta trasformando in un mosaico incredibilmente complesso e ricco di veri e propri colpi di scena il cui completamento si prolunga da mesi coinvolgendo una quantità impensabile di attori. Pertanto, fornendo quest’anticipazione, rassicuro quanti si sono preoccupati (o rasserenati) dell’assenza di noi non ci saremo rinnovando fedeltà al nuovo format, evitando il linciaggio da parte del caro Michele e ritornando indietro di pochi giorni proponendo una personale visione di una delle giornate più sentite dalla comunità. Il mezzo è ormai noto, la sperimentazione forse meno. Ricerco più sensazioni che immagini chiare attraverso il contrasto e le parole di chi, mirabilmente, è riuscito a raccogliere in un testo tutte le sfumature di un viaggio attraverso i sentimenti.

Un augurio per chi crede, un racconto per chi cerca, un ricordo per chi è distante e l’ennesimo passaggio per tutti quanti…

[clicca per ingrandire, consigliata visione a schermo intero]

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.