Norata: “Le ragioni di una scelta?”

Carissimi concittadini,

mai avrei immaginato di scrivere questa lettera per proporre, a Voi tutti, la mia persona come guida dell?Amministrazione comunale che, con la prossima tornata elettorale, si porrà a servizio della nostra comunità. La mia vita professionale e familiare mi ha sempre distolto dal valutare come possibile un impegno personale ed esclusivo per Castelbuono. Ma, in questi mesi, ho vissuto un?esperienza umana molto forte e, per me, straordinaria: la richiesta del mio totale impegno da
parte di amici e dei tanti che mi hanno fermato per strada, esprimendomi incoraggiamento e fiducia.
Sono stato stimolato, quindi, a rimettermi in discussione e a rifare i conti, ancora una volta, con l?insegnamento, a me sempre caro, di Padre Paolo Raimondi, che ribadiva: ?dovere del cristiano è occuparsi della cosa pubblica?.

E allora mi ritrovo a esporre, oggi, le ragioni della mia candidatura alle primarie del Partito Democratico prima e, se scelto, a Sindaco dopo. Ragioni che trovano radici nel legame profondo e sempre vivo con Castelbuono, da sempre luogo del mio impegno sociale e professionale, oltre che di quello politico e anche amministrativo, in anni passati.

Quello che io oggi sono, lo devo alla ?culla? della mia formazione umana e civile, al rigore morale che mi ha impresso, all?attenzione costante che mi ha spinto ad avere per il bene comune.

Rimetto, pertanto, a disposizione del mio paese tutta la ricchezza di insegnamenti e valori a me donati, ponendomi a servizio di questa Comunità, come guida della macchina amministrativa e pubblica per i prossimi 5 anni.

Nel presentarmi a Voi concittadini, come candidato Sindaco, sono pienamente consapevole delle responsabilità che io, in prima persona, e tutta la mia nuova squadra di governo dovremo assumerci nei confronti di Voi tutti. Responsabilità che desidero proprio condividere con una squadra di giovani castelbuonesi competenti e capaci di costruire la ?nuova? classe dirigente, necessaria per il futuro della nostra Comunità.

I prossimi 5 anni richiedono certamente duro lavoro e molto impegno, soprattutto dopo quattro amministrazioni di centro sinistra, di cui le ultime due con un Sindaco molto presente e determinato a portare avanti il programma di governo.

Bisognerà lavorare per ricostituire una situazione finanziaria che, per i vari tagli operati dai governi nazionali e regionali, si preannuncia alquanto critica, in quanto non consentirà di disporre di risorse economiche immediatamente spendibili sul territorio. Riprendere e portare a termine i vari progetti, già avviati e/o in cantiere dalle precedenti amministrazioni; ridare vita a progetti accantonati, pensare e progettarne di nuovi, recuperare ritardi inevitabilmente accumulati.

Ma quello che più mi preme è, anche, stimolare la vita partecipativa, dando nuova voce alle associazioni, alle categorie sociali ed economiche, ai movimenti culturali e giovanili, affinché si possa lavorare insieme e collaborare per lo sviluppo del nostro paese.

Sento proprio l?esigenza di un paese, di una comunità solidale, che dia spazio a tutti i propri cittadini facendosi carico dei più deboli, che sia capace di sviluppare al meglio l’economia turistica e dei servizi con iniziative di prestigio, che sia in grado di stimolare e rafforzare l?impegno per la cultura e l?arte, che lavori per creare strutture e infrastrutture idonee a rendere la nostra offerta più appetibile. E? con la collaborazione, l?impegno e l?iniziativa di tutti che potremo far grande il nostro paese.

Attenti alle esigenze e alle aspettative dei nostri ragazzi, sia in relazione all?istruzione e alla formazione sia nel campo dello sport e nella dimensione dello svago e del tempo libero, lavoreremo per costruire insieme a loro, in un percorso condiviso, il ?paese? da consegnare alle generazioni future.

Riformeremo, in modo più semplice e pratico, i servizi per i cittadini con l?ausilio di funzionari e dirigenti, che dovranno essere formati per dare risposte adeguate alle nuove esigenze. Difenderemo e tuteleremo il nostro territorio e il nostro grandioso patrimonio ambientale e architettonico. Solo partendo dalla nostra storia e dalla nostra cultura, potremo, infatti, programmare meglio e insieme il nostro futuro.

In un momento storico in cui la vita politica, in generale, appare improntata da malcostume e devianza, candidarsi come Sindaco significa impegnarsi fortemente, in prima persona, per stabilire regole di moralità, eticità e trasparenza nell?amministrazione della ?cosa? pubblica.

Sono consapevole che la situazione politica, amministrativa ed economica in generale, specie a livello internazionale, è grave e bisogna affrontarla con rigore e serietà, con capacità e buon senso, confidando su persone volenterose e coese, che abbiano come obiettivo di vita il bene comune e che amino il loro, il nostro Paese.

Un saluto affettuoso e cordiale a Voi tutti

Giuseppe Norata