Norata: «Sullo “sfascio” degli ATO corresponsabilità dei sindacati. Adesso risorse ed impianti”

Sulla vicenda della chiusura degli Ato interviene, attraverso la propria pagina Facebook, il liquidatore e già presidente di Ecologia e Ambiente S.p.a. ? Ato Pa5 dott. Giuseppe Norata. Riportiamo di seguito la dura nota con cui denuncia corresponsabilità sui risultati insoddisfacenti delle società d’ambito e mette in guardia su alcune criticità da risolvere.

Adesso che si chiude questa fase, viene facile, a chi è corresponsabile dello sfascio, scaricare tutte le responsabilità sugli altri. Certo, considerando che le argomentazioni, riportate nell’articolo, vengono da parte di chi lavora nei sindacati i quali sono stati conniventi con chi ha perpetrato lo sfascio, viene da chiedersi per conto di chi stanno giocando. Dove erano questi signori quando certi sindacalisti, assieme a chi amministrava certe realtà ATO, si spartivano la torta delle assunzioni? O quando venivano da me perché volevano assunti figli o nipoti e, mandati a quel paese, avviavano vere e proprie azioni ritorsive nei confronti del sottoscritto e della società da me amministrata? Parlo a ragion veduta, anche perché gli eventi, a suo tempo, sono stati da me denunziati agli organi competenti.
Ora si chiude una fase che, nel bene e nel male, ha consentito di rendere un servizio importantissimo, per tutta la collettività, con due criticità che devono essere superate per non creare altri mostri: abbiamo lavorato senza risorse finanziarie e senza impianti i quali devono essere realizzati senza lasciarsi condizionare da chi, trincerandosi dietro false ideologie, il problema non lo vuole risolvere anzi, tutela imprenditori (anche proprietari PRIVATI di discariche) che gli impianti non vogliono.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.