Nuova tegola sulla Palermo-Catania. Sequestrato il viadotto ‘Cinque archi’

[livesicilia] PALERMO – Un tratto del viadotto “Cinque archi” dell’autostrada A19 Palermo-Catania, già interrotta in seguito al cedimento del viadotto Himera, è stato sequestrato dai carabinieriche hanno aperto un’indagine a carico di ignoti per attentato alla sicurezza dei trasporti, in seguito alla situazione di pericolo per la circolazione causata dallo stato di alcuni piloni del viadotto.

Il tratto di carreggiata sequestrato, in direzione Palermo, ricade nei territori dei comuni di Caltanissetta, Santa Caterina Villarmosa (Cl) e Villarosa (En). Ed era già stato chiuso il 7 maggio alla circolazione. L’autostrada è percorribile sull’altra carreggiata in doppio senso di marcia. Le fondazioni del viadotto, sull’alveo del fiume Salso, sarebbero state intaccate dall’azione erosiva delle acque, tanto da incidere sulla loro stabilità. Stamattina inoltre perquisizioni sono state eseguite a Palermo nella sede della direzione regionale siciliana dell’Anas e ad Enna, nell’ufficio grande viabilità dell’Anas. Il provvedimento è stato emesso della Procura della Repubblica di Caltanissetta per la ricerca di documenti, progetti costruttivi, comunicazioni, provvedimenti di manutenzione relativi al viadotto. “Lo stato di degrado strutturale – aveva protestato nei giorni scorsi l’Ance- attesta come le strutture in cemento armato e le condizioni salmastre dell’area di ponte cinque archi non possono essere ignorate e Anas e Regione ognuno per le proprie competenze non possono non prendere iniziative per la messa in sicurezza dell’asse viario e per la risistemazione di argini e greto del fiume Salso che in quel tratto ha eroso le paratie ed i piedi delle strutture di sostegno esponendo ulteriormente le strutture di cemento”.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.