Ogni promessa è debito!

Cari miei amici e concittadini di Castelbuono. Diciamo che ci siamo quasi! Finalmente abbiamo qualcosa di corposo in mano. Naturalmente mi riferisco ai programmi elettorali delle tre liste, nonché dei tre candidati alle amministrative del 6 e 7  Maggio.

Faccio subito una premessa, le prossime riflessioni che leggerete, NON VOGLIONO DARE ASSOLUTAMENTE ALCUNA INDICAZIONE DI PREFERENZA nei confronti di chicchessia. Le mie valutazioni, molto probabilmente le farò dopo le elezioni stesse, per analizzare anche i motivi di una sconfitta o di una vittoria! Perché se c?è una cosa che mi dispiace e che trovo per certi versi ?puerile?, sono le ?occhiatine? ed i commenti, ai quali sicuramente sono sottoposti tutti coloro che, o prendono una posizione, o danno l?impressione di averla presa. Come è successo a me, che mi giungono ?voci? di un?appartenenza specifica ad uno dei tre schieramenti. Allora ?in primis? vorrei sottolineare che è diritto/dovere di ogni cittadino di partecipare alla ?cosa pubblica?. Io dico sempre e scusate se mi ripeto, Ma ammiro chi si spende per una causa. Credo che fu Voltaire a dire ?Non sarò mai d’accordo con ciò che tu dici, ma darei la vita affinché tu possa dirlo?. Perché questa è la Democrazia! Invece quelli che non mi piacciono sono proprio quelli che si lamentano e basta! O coloro che credono di avere ?la scienza, insita in se?, ma non si adoperano mai per contribuire al bene di tutti. Quindi io qui nel mio piccolo, dico ?GRAZIE!? a tutti e tre i candidati sindaci, i consiglieri e tutti colore che si spendono sempre per le loro cause giuste o sbagliate che siano. Io da cittadino esprimerò il mio voto, il mio diritto e dovere di cittadino. La mia preferenza sarà unica, perché possiamo avere un solo sindaco, ma dal 7 di maggio chiunque esso sia, ?Lui? sarà il mio sindaco. Anche se non sarà espresso dalla maggioranza dei cittadini. Ed io, scusate sempre se mi ripeto, ma vigilerò, per quanto mi sarà possibile, su di lui e su di loro. Lo farò se non sarà chi ho scelto personalmente, ma lo farò soprattutto se sarà, chi io ho scelto. E così dovreste fare altrettanto voi.  

Chiusa questa  premessa ora voglio passare al concreto. Ho letto con attenzione, da persona comune, come voi, senza avere magari le competenze per capire certi passaggi più tecnici, i tre programmi. E ho preso spunto per delle riflessioni su ciò che i tre schieramenti dichiarano di poter fare da qui ai prossimi cinque anni.

Sinceramente posso sostenere che sono tutti e tre dei bei programmi. E lo dico perché troppo spesso mi viene riferito che i programmi non contano. Sono solo parole e promesse che non verranno mai rispettate. Per me invece hanno un peso importantissimo. Perché per me il programma in quanto ?verba volant et scripta manent? è un qualcosa che possiamo impugnare prima o poi e ricordare a chi ha fatto quelle promesse, se è stato in grado di mantenerle, e anche perché non lo è stato.

Ho notato che i tre programmi tra di loro sono molto simili, nei vari punti afffrontati. Certo espletati in maniera differente, ma ho notato molte similitudini. In particolare tra due di essi (chiaramente non dico quali sono, ma vi invito a leggerli per notare, sia le similitudini che le differenze!). Una cosa che salta subito a l?occhio è l?elaborazione di uno dei tre programmi (oltre che grafica!). In questo specifico caso, si vede che è stato curato nei minimi dettagli, sopprattutto per la scelta degli argomenti trattati, che dei punti che si intende svolgere, nel caso fosse il programma vincente. In particolare ho denotato molta attenzione agli argomenti quali Ambiente, Vivibilità, Innovazione Tecnologica e Solidarietà. Però non tutti questi argomenti, vengono affrontati in maniera approfondita, ma si rimane  troppo spesso vago, con l?uso di molte parole che ?annacquano? il senso di ciò che vogliono proporre. Mentre qualcuno ha scelto di scendere più nel dettaglio ed esporsi magari di più con progetti che sono difficili da sostenere con le risorse che ha Castelbuono, o peggio sono progetti, i quali già l?amministrazione precedente avrebbe dovuto portare a termine.

Perché (e qui veniamo alle note dolenti!) se uno dei tre programmi riporta che;

?…nel rispetto dei concetti di uguaglianza e di pari opportunità sanciti dalla Costituzione, bisogna dare completa fruibilità per la partecipazione democratica alla vita della Società?

 e poi ancora a Castelbuono dopo 20 anni di amministrazione dell?Ulivo-Partito Democratico (*), le maggiori barriere architettoniche (Castello, Sala delle Capriate, accesso ad attività pubblice e non etc.)  non sono state abbattute, vedo un filo di ipocrisia, nel riportare tale dicitura.

(*) Vorrei sottolineare che in contro-tendenza con molti ambiti della nazione, i cittadini hanno perso fiducia nei partiti e si fidano più di un singolo cittadino che non si fa scudo dietro un simbolo partitico, ma magari si accompagna da cittadini di estrazione politica diversa che tra l?altro anche costoro hanno abbandonato! (Quindi io certe “passerelle” me le sarei risparmiate). Voci di questi giorni riportano che un movimento fatto da cittadini semplici (non politici di professione!!!) che credono che si possano riprendere la cosa pubblica con onestà e con disinteresse verso il personale. Beh! Questo movimento oggi risulta essere la 3a forza (con il 7.2%, ma io credo che potrà essere di più!), a livello nazionale. E questo è il Movimento 5 Stelle.

 E scusate ma anche se tutti e tre i programmi denotano una forte impronta verso la solidarietà ed il sociale. Ancora a non ho trovato un riferimento chiaro all’idea di un paese che di definisce ?turistico?, che si dedichi anche ad un turismo sociale. Poiché ricordatevi che un disabile ha con se sempre un accompagnatore, quindi equivalgono sempre almeno a due turisti! E quindi al doppio dei soldi che spendono. Scusate e perdonatemi io non voglio fare la morale a nessuno. Io non ho la bacchetta magica, e posso solo immaginare cosa significhi dover amministrare una comunità. Ma odio l?ipocrisia e le false promesse. Perché cari i miei candidati, le promesse che fate, state attenti. ma prima o poi vi si ritorceranno contro e mi dispiace per l?Ulivo-PD, ma rispetto alle altre due liste, voi non avete quasi nessun alibi. E dire che io, molte delle cose che ho letto nel vostro programma, le ho trovato interessantissime, progetti tipo ?Rifiuti Zero?, ?Mercato a Km Zero?, i GAS, ?i corridoi verdi?, ?l?innovazione tecnologica della macchina burocratica?, sono idee nelle quali mi ci ritrovo e sono pressoché uguali a ciò che desiderò anche per la nostra comunità. Ma molte delle cose che vi ho trovate, sono cose che aveva promesso la passata amministrazione e che ora ritornano riproposte in veste diversa. Certo ora potete vantarvi di aver raggiunto il traguardo dell?inaugurazione dell?area artigianale e del futuro sfavillante che se ne prevede per le maestranze locali. Ma io da cittadino ancora mica l?ho capito se il collaudo non c?è, se le strade ci sono o no, se chi vi si andrà a posizionare ne avrà realmente un beneficio o no. (Io in questo ambito sono ignorante in materia!). E poi scusate, se poi uno non ve lo deve dire, ma è la mia natura ?grillesca? che parla, ma non sembra strano che certe cose, questa amministrazione li faccia coincidere tutte in questo periodo? Lo so sto sembrando parziale, chiedo venia. Io mi auguro solo che chiunque vinca, ciò che promette cerchi di mantenerlo, e anche se alla fine non ci riesce, va da i cittadini è chiedendo scusa dica:

?Signori! Noi ci siamo messi al vostro servizio, ma in alcune cose non siamo riusciti a rispondere alle esigenze della comunità e di quello che ci eravamo prefissati. Però non vi abbiamo presi in giro, ci rimettiamo al vostro giudizio e speriamo con il vostro appoggio di poter mantenere tutte le promesse?.

Io un discorso così lo apprezzerei di più. Trasparenza e sincerità. E anche gli altri due schieramenti, dico, di stare attenti a ciò che dite e promettete. Perché sappiate che ci sono molti cittadini, che sono stanchi di questo modo di fare politica e prima o poi vi verranno a chiedere il conto.

 Per esempio una cosa che vorrei sottolineare è il passaggio in cui nel programma di ?Castelbuono in Movimento? si parla di ?sfruttamento delle risorse del bosco comunale attraverso la biomassa?. Che come concetto in sé può essere una cosa positiva, tranne che non si associ all’idea di una centrale a biomassa che che serva si a bruciare la legna dei boschi (sempre che non sia disboscamento selvaggio!) per creare energia, ma che non si trasformi in un eventuale inceneritore. Mi piacerebbe che mi chiarissero questo passaggio che io sicuramente avrò mal interpretato.

Invece nel programma di ?Castelbuono Libera? vorrei sottolineare l?idea dell?allargamento della ?Zona a Traffico Limitato?. Che sarebbe una bella idea se innanzitutto noi cittadini imparassimo ad utilizzare di meno l?auto. Certo non ci sono mezzi pubblici, da supporto, (ci sono in compenso ancora le tabelle con gli orari del ?Bus-Navetta? fantasma!).

 Perché nessuno dei tre programmi parla di cercare di ridurre l?utilizzo della macchina, coadiuvato dall’idea di creare magari piste ciclabili visto che non ce ne sono, e magari fare ?Bike Sharing?, o utilizzo anche di mezzi elettrici grazie al ?Car Sharing?. Non ho visto, per esempio, neanche la proposta di spostare la fermata dell?autobus da vicino la Posta. Scusate, ma a che serve? A parte a congestionare il traffico, nelle ore di punta! Senza considerare di cosa avviene in Via Cefalù (Già Dante Alighieri, soprannominata da me ?Girone degli automobilisti perennemente inc…….ati?), anche grazie alla presenza di due distributori di carburante, che secondo le norme di sicurezza dovrebbero stare all’esterno del centro abitato.

A parte l?ironia, queste sono alcune delle mie riflessioni personali. certamente discutibili, perché io non sono che un semplicissimo vostro concittadino, con la presunzione di fare il ?grillo parlante?. Ma naturalmente come fece Pinocchio potete pure ignorami, e potete pure ignorare le critiche di chiunque, che non è detto che siano sempre costruttive.

Ma sappiate che ogni promessa è debito. E molti di noi cittadini stiamo cominciando nuovamente a credere a ciò che ci dite! Ma siamo più attenti di prima! Perché ricordate, e chiudo con il motto che più amo, che:

?Non sono i popoli che devono avere paura dei governi! Sono i governi che devono avere paura dei popoli?

Il Grillo Castelbuonese

?Al secolo? Daniele Di Vuono.

1 commento

  1. Aggiornamento ! Ho avuto modo di poter parlare con il candidato sindaco Antonio Tumminello! E riguardo allo sfruttamento delle risorse del bosco comunale attraverso la biomassa. Si intende solo e semplicemente la trasformazione della legna in carbone come risorsa in sé! E pertanto lo ringrazio sia per la disponibilità che per il chiarimento! Era doveroso riportarlo!

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.