Piani di emergenza per le zone a rischio, allarme tra Gratteri e Cefalù

[Riceviamo e pubblichiamo] Evacuato il Costa Verde e una Galleria sulla A20. Scattano i piani di emergenza

Da ieri notte le Madonie sono in fiamme, gli incendi più aggressivi e pericolosi si sono sviluppati fra Lascari, Gratteri e Cefalù. Si cerca disperatamente di vincere il fronte del fuoco ma il tremendo scirocco che soffia da stamani e gli altri incendi scatenatisi in queste ore praticamente in tutta la Sicilia rendono davvero complicate le operazioni di contenimento delle fiamme.

Sono scattati così i piani di allarme e le procedure di Protezione Civile.

La situazione più preoccupanti riguarda il Comune di Gratteri, praticamente circondato dalla fiamme. “L’incendio non è ancora arrivato nel centro abitato – afferma l’assessore Giacomo Cirincione contattato pochi minuti fa dalla nostra redazione – ma la situazione è allarmante e se non si interverrà in tempi brevissimi sarà impossibile controllare le fiamme. Al momento abbiamo avviato tutti i piani di emergenza. L’indicazione che diamo ai nostri concittadini è quella di rimanere a casa, serrare porte e finestre e spostarsi nei piani bassi. Per le situazioni più gravi è stato anche allestito un punto di raccolta presso la palestra della scuola di via Sant’Andrea. Per emergenze contattare il numero 0921429214”.

Intanto è stata evacuata dai vigili del fuoco la galleria ‘Battaglia’ sull’autostrada Palermo-Messina, nei pressi di Celafù. Le auto sono bloccate all’interno della galleria invasa dal fumo dell’incendio boschivo che sta interessando la zona. Evacuato anche l’hotel Costa Verde raggiunto dal fumo. In questo momento stanno operando nella zona 83 vigili del fuoco con 18 mezzi antincendi. Proseguono le operazioni sulla zona di Bisacquino di 4 Canadair del Corpo.

Cefalù, il fronte del fuoco si fa sempre più pericoloso, oltre che intorno all’Hotel Costa Verde anche in zona Mazzaforno. Le fiamme ed il fumo intenso rendono quasi impossibili le operazioni di contenimento dell’incendio che si dirige pericolosamente verso le abitazioni. Un’abitazione in particolare, sita in prossimità del Castello Bordonaro, è circondata dalle fiamme.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.