Polizzotto scrive alla Soprintendenza chiedendo di fermare le perforazioni previste nel giardino di San Francesco

Per le vie brevi si è appreso che il Comune di Castelbuono, in relazione al progetto di “Efficientamento energetico di edifici nel centro storico di Castelbuono”, sta per realizzare circa 15 perforazioni all’interno del giardino monumentale di Piazza San Francesco, ai fini dello sfruttamento di energia geotermica.
Senza entrare nel merito dei possibili risultati in termini di efficientamento energetico, con la presente, si intende manifestare indignazione per l’esecuzione di un’opera che si pone in contrasto con i principi di tutela dei beni storici ed architettonici.
La realizzazione delle trivellazioni all’interno del centro abitato e, in particolare, all’interno del giardino storico di Piazza San Francesco in cui, peraltro, insistono importantissimi complessi monumentali, costituenti patrimonio della nostra collettività, appare una follia dei nostri tempi.
Non si comprende, dunque, come codesta Spett.le Soprintendenza abbia potuto autorizzare, così come informalmente riferito dal Comune, un possibile scempio del nostro patrimonio storico, architettonico e archeologico.
Per quanto sopra, si chiede l ‘immediato intervento di codesta Spett.le Soprintendenza affinché fermi immediatamente i lavori e preservi la nostra memoria storica ed architettonica.

fonte: castelbuonolive

1 commento

  1. L’iniziativa è interessante. Desidererei sottolineare che alla dicitura “Numero privato” rispondono normalmente tutti i call center di pubblicità varia, che importunano l’utente telefonico più volte nella giornata, tant’è che l’utente spesso non risponde proprio alla chiamata. Sarebbe quindi più opportuno cambiare la dicitura dell’”alert system” dall’anonimo “Numero privato” in “Comune Castelbuono”, per esempio, o in qualcosa di simile che identifichi appunto il messaggio di allerta.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.