Prevenzione incendi, un lavoratore forestale scrive al Prefetto

Riceviamo e pubblichiamo di seguito la lettera scritta da Michele Mogavero, lavoratore forestale e indirizzata al Prefetto e p.c. Al Capo Dipartimento della Protezione Civile Regionale, Ing. Calogero Foti, e ai Sindaci dei comuni limitrofi,  in merito alla mancata prevenzione degli incendi nelle strade provinciali delle Madonie.

 

A Sua Eccellenza 

IL PREFETTO

Dott.ssa Antonella De Miro

Via Cavour, 6 – 90133 Palermo

e p.c.  Al Capo Dipartimento Regionale della Protezione Civile

Ing. Calogero Foti

e p.c. Ai Sindaci dei comuni

Isnello 

Collesano 

Castelbuono 

Cefalù 

Lascari

Oggetto: Mancata prevenzione incendi

Eccellenza, non vorrei importunarLa ma credo sia importante segnalare la mancata prevenzione incendi nelle strade provinciali e non solo. Gli appelli e i bollettini della Protezione Civile in molti casi non sono presi in seria considerazione e non tutti osservano le ordinanze comunali. Nella mia zona e cioè nelle strade di Isnello che portano a Cefalù, Castelbuono, Collesano, Lascari ed alte Madonie (e probabilmente nel resto della Sicilia) la prevenzione non esiste. Con le altissime temperature di questi giorni, siamo fortemente esposti al rischio di innesco e propagazione di incendi (già sviluppati), che oltre a causare danni alle cose e all’ambiente, rappresenta un pregiudizio per la salute e l’incolumità pubblica e privata. Per cercare nell’immediato di contrastare i criminali piromani, secondo il mio modesto parere, bisognerebbe  affidare la manutenzione dei bordi stradali ai lavoratori forestali, questa soluzione permetterebbe di affiancare i cantonieri che sono rimasti in pochi, insufficienti a completare tutto il lavoro.

RingraziandoLa per l’attenzione, Le porgo

Distinti saluti

Michele Mogavero

Lavoratore forestale, addetto allo spegnimento incendi boschivi

Responsabile del Blog specifico http://forestaliantincendiosicilia.blogspot.it/

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.