Punto nascita di Petralia, Culotta: “Spiragli grazie al decreto del ministro Lorenzin”

[riceviamo e pubblichiamo] “La questione è tutt’altro che chiusa. Il decreto firmato nei giorni scorsi dal ministro Lorenzin, che apre alla possibilità di sperimentare punti nascita al di sotto dei 500 parti l’anno in aree montane, rimescola le carte e concede alla Regione Siciliana un’ulteriore possibilità, dopo l’ultima deroga del Ministero”. Lo dice Magda Culotta, sindaco di Pollina e deputato del Pd, intervenendo sulla questione del punto nascita di Petralia Sottana.  “Il governo nazionale – continua Magda Culotta – ha deciso di puntare sulle aree interne del Paese, destinando, a questi centri, politiche finalizzate a migliorare la qualità dei servizi e della vita. Ecco perché il nostro territorio è stato classificato come area prototipale delle Strategia Nazionale Aree Interne. Nei giorni scorsi – aggiunge Magda Culotta – il ministro alla Salute, Beatrice Lorenzin, ha firmato un decreto che apre alla possibilità di sperimentare, in aree montane, punti nascita al di sotto dei 500 parti l’anno, a condizione che vengano garantiti determinati livelli di sicurezza. Questa scelta, ha aperto una nuova interlocuzione con la Regione Siciliana e con i territori interessati. Sono fiduciosa che anche questo possa contribuire a una soluzione positiva e spero che la Regione saprà interpretare al meglio lo spirito del decreto”.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.