Punto nascite Cefalù. Il M5S insoddisfatto dalla risposta del governo

[esperonews.it] I grillini di Castelbuono hanno diffuso una nota della loro portavoce alla Camera, Giulia Di Vita, a seguito della risposta del sottosegretario De Filippo in merito al punto nascite di Cefalù.

Un’interrogazione diretta, specifica sull’argomento che tanto ha animato e preoccupato il territorio madonita. Un’interrogazione sull’ipotesi di chiusura, oggi trasformatasi in deroga temporanea fino al dicembre 2016, la cui risposta «ci lascia poco soddisfatti – precisa Di Vita – perché vi siete sostanzialmente limitati a ribadire le misure già intraprese che nel breve periodo sedano la questione, ma non si può assolutamente parlare di una vera e propria risoluzione del problema».

L’esigenza sarebbe stata, al contrario, quella di «uno studio più approfondito della vicenda da parte del governo – continua la portavoce –, nonché un maggiore livello di dettaglio vista la delicatezza della questione all’attenzione dell’intera popolazione del comprensorio delle Madonie e dei Nebrodi».

E qui il punto dolente: «La malsana trovata di mettere in competizione due strutture ospedaliere, come quella di Termini Imerese e di Cefalù, come se si trattasse di banali beni di consumo e non del diritto alla salute di migliaia di persone, denota una scarsa conoscenza delle peculiarità della zona interessata e i conseguenti disagi che, in entrambi i casi, la popolazione si troverà a subire. Facciamo riferimento innanzitutto alla difficile, e a volte impossibile, viabilità, che abbiamo già descritto nella nostra interrogazione e che, col recente crollo del tratto della A19, non potrà che peggiorare».

Inoltre «desta notevole preoccupazione – conclude Di Vita – l’attività di verifica e monitoraggio dei volumi produttivi dei due presidi ospedalieri: con quali modalità e scadenze, e da parte di chi verranno effettuate le necessarie verifiche? Dalla Regione? La stessa che ha dimostrato totale inadeguatezza perfino in vere e proprie tragedie come il caso della piccola Nicole? Ma il ministero si è recato in loco per toccare con mano la realtà di cui stiamo parlando e confrontarsi coi diretti interessati, professionisti e cittadini? Vi è chiaro che con la chiusura di uno dei due punti nascita negheremo a centinaia di future madri siciliane di poter trascorrere la gravidanza a casa propria, o di farlo a proprio rischio e pericolo senza avere la certezza di riuscire a raggiungere agevolmente il punto nascita più vicino, che potrebbe essere addirittura a 60 minuti di distanza?»

L’invito già rivolto al ministro lo scorso 10 aprile, di recarsi personalmente sulle Madonie, è stato quindi rinnovato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.