Ricostruzione strade rurali. Un lettore propone una soluzione ai sindaci del comprensorio

Riceviamo e pubblichiamo l’interessante lettera indirizzata dal signor Vittorio Matassa ai sindaci dei Comuni di Cefalù, Pollina e Castelbuono e al presidente dell’Ente Parco delle Madonie con la quale segnala un possibile finanziamento della Regione Sicilia al quale attingere per la ricostruzione di strade interne ai territori con un contributo al 100% ai consorzi territoriali formati dai Comuni interessati.

 

Egregi Amministratori dei Comuni di Cefalù, Pollina e Castelbuono, al presidente dell’Ente Parco delle Madonie
Mi piace prendere ad esempio i Vostri blog e leggere quanto prevedete per il territorio che amministrate! Soprattutto mi piace leggere il Vostro impegno “politico” con i partiti di riferimento ma poco o niente leggo sull’amministrazione e sugli interventi utili ai cittadini.
Leggo di interventi sulla condizione “donna”, di visite a caserme, di polemiche tra sindaci ed ex sindaci, di comitati formati a supporto del SI e del NO, degli “accompagnamenti” con ministri vari nelle loro visite ma ma……niente leggo sugli interventi concreti per la cittadinanza. Quando qualcosa viene fortemente richiesta, perché utile e necessaria, gli Amministratori rispondono “…..mancano le risorse….”.
Gli Enti Istituzionali dovrebbero essere retti, oramai, come se fossero Aziende ma forse ancora i nostri amministratori, presi dalle “loro” valutazioni politiche non riescono a vivere il territorio come una impresa.
Le normali Aziende sono sempre alla ricerca di risorse a cui attingere, mentre i ns amministratori sono sempre alla ricerca dell’assistenzialismo profuso da questo quel politico e dal patteggiare favori, cariche, e servilismo per cui sono ciechi e sordi quando le risorse sono messe a disposizione ma non riescono ad afferrarle perché ,magari, il referente li distrae su operazioni diverse che hanno più visibilità politica.
Orbene sappiamo tutti che uno dei maggiori problemi del nostro territorio è la viabilità rurale, la possibilità di dare ai cittadini, alle imprese, agli operatori turistici, alle aziende agricole quel benessere di vita che ogni persona auspica per se.

Orbene la Regione Siciliana con la misura 4.3.1 (www.psrsicilia.it) dà la possibilità della ricostruzione di strade interne ai territori con un contributo al 100% ai consorzi territoriali formati dai Comuni interessati.

Ho informato i Sigg. Sindaci dei Comuni di Castelbuono, Pollina e Cefalù via e mail ed intervenendo sui loro blog ma ho ricevuto solamente il “totale silenzio”, tranne da parte del Presidente dell’Ente Parco delle Madonie che mi ringraziava per avergli inviato la nota.

Penso alla strada rurale che dipartentesi dalla SS 286 Km 7.300 (località Ponte a Botte – in territorio di Pollina) attraversa le contrade “Montenero” (Pollina) “Torrigilio”(Castelbuono), “Santa Anastasia”(Castelbuono e Pollina), “Zurrica” (Castelbuono e Cefalù), “Vignale” (Cefalù), “Ferla” (Cefalù) così ricostruendo la sempre desiderata pedemontana Cefalù- Castelbuono, Strada, quest’ultima, che (attraversando anche zone di Parco) è andata completamente distrutta nella prima parte (c.da Montenero) dal terremoto di Pollina degli anni 80, e il resto per incuria dei Comuni che ne avevano la manutenzione. Si realizzerebbe una strada turistica meravigliosa, da abilitare anche al ciclismo, al Horse road ma servirebbe, anche, alle centinaia di famiglie, di aziende agricole, turistiche e coltivatori che hanno necessità di attraversare il territorio. Penso alla “Strada del Saraceno” (Castelbuono) quasi completamente intransitabile e per la parte finale (Liccia) completamente franata , che servì e fu parzialmente distrutta quando si realizzo il bypass dopo il crollo della Provinciale prima del bivio per Piano Sempria. Penso alla strada rurale di Santa Maria a Pollina che raggiunge anche il nuovo serbatoio dell’acqua ed in cui sono presenti residenti ed aziende agricole. Insomma, abbiamo le risorse (se leggete i punteggi di riferimento per le graduatorie saremmo sempre al massimo) e cosa fanno i nostri amministratori….??????…DISCUTONO DI POLITICA ASTRATTA, discutono di appalti mai riusciti, del raddoppio FS Ogliastrillo, del pianeta donna e della loro asserita politica sociale sul territorio. Ma come disse il grande Totò : ”….ma fatemi il piacere…” ruotando il braccio e mandando a……..
Grazie, per l’ospitalità
Vittorio Matassa

RICOSTRUZIONE STRADE RURALI

si potrebbe finalmente ricostruire la strada Ponte Botte (Pollina),- Montenero (Pollina) – Torrigilio (Castelbuono)-Sant’Anastasia (Pollina e Castelbuono)- Vignale (Cefalù) – Ferla (Cefalu) – SS 113 (che attraversa, anche, una porzione di Parco) e potrebbe essere oltre che al servizio delle Aziende Agrarie anche una bellissima strada Turistica. Io ho i progetti originari…..
I comuni di Pollina, Castelbuono, Cefalù e l’Ente Parco, dovrebbero immediatamente (visti i tempi stretti) indire una conferenza dei servizi con l’intervento anche delle aziende agricole presenti sul tragitto di questa strada………. dove insistono, anche resort 5 stelle, agriturismi ed aziende in evoluzione enogastronomiche …..
PS : sarebbe, anche, un meravigliosa PS per rally da Cefalù sino a Castelbuono attraversando le colline…… ed evitando le Statali……

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.