Rifiuti, Tumminello si candida alla presidenza della Srr

[LA SICILIA – Michele Guccione] A fine mese 500 operatori ecologici degli Ato rifiuti della provincia resteranno tagliati fuori dalla riforma del settore. Sono i 180 ex interinali del Coinres, già licenziati; i 103 interinali dell’Ato 1 di Partinico; alcuni stagionali e i 200 effettivi dell’Ato 5 di Termini. Il 30 settembre scadrà la proroga degli Ato e dall’1 ottobre il servizio dovrà passare alle nuove Srr per darlo in appalto. Ma la provincia di Palermo è l’unica (con Agrigento e Messina) dove le Srr non sono state costituite. Dunque, manca il soggetto che da ottobre assuma la gestione dei rifiuti e il relativo personale. Ieri i sindaci dell’Ato 5 si sono riuniti per cercare una soluzione, ma si è potuto solo decidere l’avvio delle procedure di «cambio d’appalto»: i 200 dipendenti dal 30 settembre cesseranno il servizio, ma non si sa a chi affidarli dall’1 ottobre. Però si discute della presidenza della Srr: il sindaco di Termini, Totò Burrafato, che in un primo momento voleva candidarsi, ha dato la disponibilità del vicesindaco Nicola Cascino. A quel punto sono giunte le disponibilità dei sindaci di Cefalù, Rosario Lapunzina, di Castelbuono, Antonio Tumminello, e di Aliminusa, Ignazio Dolce.
Tornando al servizio, primi cittadini e sindacati sperano in un’ulteriore proroga della gestione dell’Ato da parte della Regione, ma l’assessore ai Rifiuti, Nicolò Marino, è stato chiaro: «Non concederò alcuna proroga. In 210 Comuni che ho commissariato le procedure sono state completate e le Srr sono state costituite. Vuol dire che commissarierò anche questi Comuni». Quanto al passaggio alla nuova gestione, Marino ha aggiunto: «Entro il 20 settembre emanerò linee guida che aiutino gli enti ritardatari a costituire le nuove società, ma non darò proroghe avallando situazioni anomale. Saranno i sindaci a porsi il problema».
I sindacati sono preoccupatissimi: «La legge e l’accordo-quadro di agosto – ha dichiarato Dionisio Giordano, segretario della Fit-Cisl Ambiente – tutelano il servizio e i lavoratori attraverso l’avvio del nuovo sistema. Ma se il nuovo sistema non può essere avviato, chi gestirà il servizio e chi tutelerà i lavoratori? La Regione, da cui attendiamo una convocazione per definire una parte dell’accordo-quadro, deve dare una risposta».
C’è, poi, il problema dei lavoratori interinali del Coinres e dell’Ato 1: l’accordo-quadro prevede che confluiscano in un bacino al quale i sindaci potranno attingere per progetti di igiene ambientale, «ma finora – ha osservato Giordano – solo Carini e Ficarazzi hanno presentato progetti». Ai 103 interinali di Partinico la società di somministrazione ha comunicato che dal 30 settembre saranno «a disposizione senza lavoro».

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.