“Riflessione “

La Catena di San Libero
13 dicembre 2006 n. 347

________________________________________

Tanti anni fa il Giornale di Sicilia – politicamente vicino ai cugini Salvo – ebbe la buona idea di pubblicare i nomi e i cognomi di tutti gli esponenti del Coordinamento Antimafia di Palermo, corredati dai rispettivi indirizzi di casa e da ogni altra utile indicazione. Aggiungendo che in realta’ questi quattro fanatici – di cui vedi elenco nominativo – non rappresentavano nessuno e che il movimento antimafia in realta’ non esisteva.

Adesso, il presidente del consiglio regionale calabrese, che si chiama Giuseppe Bova e che purtroppo e’ diessino (torneremo su questo particolare) sostiene che il movimento dei ragazzi di Locri,”Ammazzateci tutti”, in realta’ non esiste ed e’ composto solo da quattro estremisti fanatici che non contano niente. E ne da’,ovviamente, i nomi: il primo e’ Aldo Pecora, che e’ un ragazzo di vent’anni e ha avuto il grave torto di fare alcune domande pubbliche sulla personale correttezza di alcuni politici calabresi.

Locri, come sapete, e’ un posto mite dove se qualcuno ti accusa di essere l’unico e decisivo esponente di un movimento antimafia puoi girare tranquillo per le strade, sicuro che nessuno ti fara’ niente. E’ come se Bova avesse detto, poniamo, a Stoccolma “Guardate che questo Pecora e’ il capo dei vegetariani e se togliete di mezzo lui nessuno
contestera’ piu’ le bistecche”. Percio’ egli ha fatto benissimo a
intimidire pubblicamente Aldo, a metterlo a bersaglio della ‘ndrangheta e a dire “se vi stanno antipatici i ragazzi di Locri, prendetevela solo con lui”.

Bova, nella sua veste di politico, e’ inquisito per coserelle, ma in questo non c’e’ niente di male perche’ piu’ di meta’ dei consiglieri regionali lo sono come e piu’ di lui. I pochi consiglieri incensurati,alla bouvette della Regione, si sentono – come dire – un po’ isolati. Percio’ puffano appalti, coseggiano coi mafiosi, spampuncano il pubblico denaro, solo perche’ bisognosi d’affetto da parte dei colleghi gia’ inquisiti. Bova non fa eccezione ma – lo ripetiamo – a differenza dei ragazzi di Locri noi siamo uomini di mondo e quindi non solo non lo
condanniamo ma addirittura lo incoraggiamo: “Bravo Bova, continua cosi’ e un giorno sarai piu’ famoso di Cuffaro e ti faranno anche i film”.

Ma perche’ e’ cosi’ importante che Bova – uno che denuncia alla ‘ndrangheta i capi del movimento antimafia – e’ diessino? Forse perche’ “ormai sono tutti uguali”? No. E’ un fenomeno tipico del Ds meridionale, ed e’ esattamente lo stesso fenomeno che si verificava nella vecchia Dc.
La Dc, partito interclassista, organizzativamente era una struttura dei notabili. Un territorio, un notabile: ognuno, statisticamente, con le caratteristiche sociologiche del ceto medio (poiche’ la Dc era un partito di ceti medi) del suo territorio. In Veneto, cosi’, avevi un Rumor pacioso che rappresentava piu’ o meno il professionista cattolico
del trevigiano o di Rovigo. C’era una borghesia cattolica, in Lombardia, da sempre iperattiva e colta, ed eccoti i vari Bassetti. A Torino (operai, Acli, sindacato) Donat-Cattin. In Sicilia o in Campania, dove il notabilato locale era quel che era, spuntavano i Lima e i Gava.

Molti anni dopo, quando il partito socialista cambio’ – come si disse allora – da una razza all’altra, il meccanismo fu piu’ concentrato nel tempo, ma sostanzialmente eguale: nel vecchio partito di notabili i ceti notabilari “moderni” subentrarono a quelli tradizionali, il nuovo commercialista al vecchio medico condotto.

Quanti operai evoluti ci sono adesso nel ceto dirigente del Ds
meridionale? Quanti professionisti “tecnici” – insegnanti, impiegati, ingegneri – e quanti legati invece alla gestione del denaro? Come si e’ trasformato sociologicamente il notabile meridionale, e quello “di sinistra” in particolare? Visto che ormai di interclassismo si tratta, e *dunque* di notabilato locale (gia’ ora che ci sono ancora i partiti:figuriamoci quando ce ne sara’ solo uno, il famoso “partito democratico”) la questione non e’ di poco peso.

Io penso che il notabilato di sinistra, al sud, sia gia’ in gran parte un notabilato d’affari;  non lo castra il moderatismo, ma proprio il posizionamento sociale. La sinistra giovanile di molti paesini del Sud, che non e’ fatta di notabili ma (finche’ non vengono eventualmente cooptati) di ragazzi, pur con la stessa linea politica formale, si batte contro la mafia con coraggio e determinazione.Il difetto, evidentemente,non sta nella politica ma in chi la incarna.

E quando un pezzo di societa’ si ribella – sostanzialmente e non solo “politicamente”, come da noi – e comincia a contestare il potere, e’ visto automaticamente come un nemico, da questo notabilato. E viene denunciato come tale. Bova, percio’, non ce l’ha coi ragazzi di Locri perche’ siano “estremisti” (Dio sa che non lo sono affatto) o perche’
siano di altri partiti (la maggior parte di loro, probabilmente, vota proprio Ds). Li teme proprio perche’ sono antimafiosi, e dell’antimafia riprendono istintivamente il contenuto piu’ profondo, la lotta alla gestione incontrollata e padronale del potere. Abbastanza per combatterli, come vedete, senza starci a pensar troppo su.

Bova, che e’ (non da gran tempo, in verita’, e alla fine di un percorso abbastanza tortuoso) “di sinistra”, per fortuna si limita a combatterli con le parole, anche se la sua professionalita’ di politico evidentemente non e’ abbastanza profonda da insegnargli la pericolosita’ dell’uso incontrollato delle parole.

Non volendo maramaldeggiare, ci asteniamo dall’elenco dei casi (spesso anche penalmente rilevanti) in cui sono stati coinvolti, negli ultimi dodici mesi, notabili di quel partito in quella zona. Ne attribuiamo l’origine, ripetiamo, non al partito ma all’imprinting sociale. Osserviamo pero’ che Bova avrebbe dovuto essere pubblicamente censurato dal suo partito gia’ a agosto, quando nella regione Calabria – col suo contributo determinante – si ebbe il silenziamento d’autorita’ di tutte
le informazioni via internet su tutte le attivita’ della Regione.
Appalti, consulenze, pubblici esborsi, in Calabria divennero di punto in bianco – come nella Calabria vicereale, o come in Cina – “arcana imperii”. Questo non si sarebbe dovuto tollerare; ed e’ stato tollerato.
Il Ds nazionale, in questo, e’ stato inadempiente.

Adesso un’ulteriore tolleranza e’ impossibile, visto che il sostanziale fascismo di Bova – del notabile  Bova – si estrinseca non solo in un imbavagliamento delle notizie, ma anche in un pericolo fisico per i dirigenti del movimento antimafia, i vari ragazzi di Locri e i loro amici. Percio’ tutte le critiche per Bova (nel senso e coi limiti che abbiamo detto) non possono piu’ fermarsi in Calabria ma risalgono
l’autostrada e – faticosamente e lentamente – approdano a Roma. Qui possono essere prese in esame dalla direzione Ds e dalla sua segreteria. Onorevole Fassino, se le parole di Bova (il “giudice ragazzino” di Cossiga: Livatino fu ucciso poco dopo) dovessero produrre danno, la responsabilita’ morale, Lei comprende benissimo, sarebbe – per inadempienza – anche Sua.
(*) La “Catena di San Libero” e’ una e-zine gratuita, indipendente e
senza fini di lucro.

Viene inviata gratuitamente a chi ne fa richiesta. Per riceverla, o
farla ricevere da amici, basta scrivere a:
riccardoorioles@sanlibero.it. La “Catena” non ha collegamenti di alcun genere con partiti, lobby, gruppi di pressione o altro. Esce
dal 1999.  L’autore e’ un giornalista professionista indipendente.

Viene rilasciata sotto la licenza Creative Commons
Attribuzione-NonCommerciale.
Per leggere una copia della licenza visita il sito web
http://creativecommons.org/licenses/publicdomain/ o spedisci una
lettera a Creative Commons, 559 Nathan Abbott Way, Stanford,
California 94305, USA.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.