Secondo seminario in programma per il 50° del Liceo Scientifico

All’Istituto di Istruzione Superiore “Luigi Failla Tedaldi”, nell’ambito dei festeggiamenti per il 50° anniversario dell’istituzione del Liceo, secondo appuntamento, nell’Auditorium “Sac. Vincenzo Minutella”, con i Seminari di studio che vedono come protagonisti tre illustri professionisti ex alunni del Liceo:

 Sabato 22 Febbraio è stato il Prof. Antonio Mazzola (Docente di Biologia Marina presso l’Università degli Studi di Palermo) ha trattato  il tema: LA BIOLOGIA MARINA E L’AFFASCINANTE MONDO DEI CETACEI 

Dopo che il 15 febbraio il  Dott. Angelo Di Garbo (Ricercatore presso l’Istituto di Biofisica del CNR Sezione di Pisa) ha trattato il tema “SISTEMI NON LINEARI, CAOS E COMPLESSITA’: UNA NUOVA TEORIA DELLA FISICA MODERNA”  ed in attesa che Sabato 8 Marzo 2014  il Dott. Mario Fiasconaro (Manager Director di my Things Italia) tratti il tema: LA COMUNICAZIONE NELL’ERA DIGITALE: GLI APPROCCI AL SEARCH ENGINE MARKETING E AL RETARGETING PERSONALIZZATO, il prof. Antonio Mazzola ha illustrato , prima agli alunni del biennio e poi a quelli del triennio, il meraviglioso mondo dei Cetacei.

Il Prof. Antonio Mazzola, che ha conseguito la maturità scientifica nel nostro Liceo nell’anno scolastico 1969/70, prima ricercatore, poi professore associato, dal 2000 è Professore Ordinario all’Università di Palermo, nonché a seguire,  Direttore del Dipartimento di Biologia Animale, di Ecologia e del Dipartimento di Scienze della Terra e del Mare. La sua attività scientifica si è concentrata su aspetti della Biologia marina  in maricoltura e della gestione delle risorse naturali. I principali argomenti di ricerca sono riconducibili alla biologia riproduttiva ed all’allevamento di specie ittiche e di invertebrati ed ai processi di contaminazione ambientale. È autore  di quasi 200 pubblicazioni, molte su riviste internazionali ed è membro di diversi organismi ed associazioni scientifiche che lo portano spesso a partecipare a missioni in tutto il mondo. Nel corso dell’intera mattinata ha fatto conoscere ai nostri alunni ed agli ospiti, tra cui alcuni ex compagni di Liceo degli anni ’60, l’affascinante mondo dei Cetacei.

Balene, delfini ed orche, insieme a focene, beluga e narvali fanno parte dei Mammiferi marini chiamati Cetacei che si dividono in due sottogruppi: gli Odontoceti e quelli dei Misticeti, che al posto dei denti hanno i fanoni, frange di pelle indurita che filtrano l’acqua trattenendo le minuscole prede planctoniche. Si tratta – dice il prof. Mazzola – di animali un po’ orsi ed un po’ pesci, mammiferi che si sono adattati talmente bene alla vita acquatica che adesso non sono più in grado di vivere sulla terraferma, avendo trasformati gli arti anteriori in pinne e la coda in una grossa pala allargata, utile per nuotare.  Ha mostrato, anche con l’ausilio di belle immagini e straordinari filmati, le grandi dimensioni di questi mammiferi marini, la respirazione attraverso i polmoni e la capacità di trattenere a lungo l’aria che poi viene espulsa quando riemergono in superficie, attraverso un grande sfiatatoio che si apre alla sommità del capo; e ancora, la riproduzione e l’allattamento dei piccoli e l’importanza dello spesso strato di grasso che li protegge dal freddo dei fondali. Ha messo in evidenza l’intensa vita di gruppo nelle strategie di predazione e la capacità di tramandare alle nuove generazioni le tradizioni per saper catturare foche e otarie. Splendida poi la parte dell’intervento dedicata al linguaggio, alla capacità di riconoscersi e comunicare tra questi mammiferi marini, facendoci ascoltare una gran quantità di versi, fischi e vocalizzazioni utilizzati nelle varie circostanze: durante il nuoto, l’accoppiamento o la predazione. Un altro capitolo molto interessante è stato quello delle lunghe migrazioni stagionali di questi grandi mammiferi marini, per accoppiarsi nei mari tropicali duranti i mesi invernali per poi trasferirsi nelle pescose acque polari, con al seguito i piccoli che accompagnano le madri, nuotando per più di 3000 Km. Bella la pagina sul rito del corteggiamento con le sue diverse strategie, dallo scortare la femmina per ore al bloccare l’avvicinamento degli altri maschi o il corteggiamento alternativo del canto: vere e proprie serenate lunghe 10 minuti e ripetute incessantemente per ore e ore, il cui successo è segnato dalle fantastiche acrobazie, quasi danza nuziale. Infine grande è stata l’attenzione ai processi di contaminazione ambientale, allo studio delle reti trofiche, del trasferimento dei contaminanti e dei processi di biomagnificazione, sino alle problematiche inerenti i cambiamenti climatici.

Questa breve evocazione di alcune immagini che hanno colpito, ancor più della rigorosa ed approfondita analisi della biologia marina del mondo dei cetacei, il numeroso uditorio, vuole rendere partecipi i lettori dei social network territoriali, dello spessore e del valore culturale dei seminari organizzati per celebrare il 50° anniversario della nascita del Liceo a Castelbuono.