Sequestrata l?Abbazia Sant?Anastasia

[LAVOCEWEB] Sequestrata la societ? Abbazia Sant’Anastasia di Francesco Lena. Lo ha deciso la sezione misure di prevenzione del tribunale di Palermo nell’ambito del procedimento patrimoniale nei confronti di Lena arrestato nel giugno dell?anno scorso con alcuni altri ?insospettabili?. Il sequestro ? il primo passo di un procedimento che potrebbe concludersi anche con la confisca dei beni gestiti dalla societ?.

Lena, che nella sua tenuta di Castelbuono aveva creato un’importante azienda vitivinicola, era stato arrestato con l?imprenditore Vincenzo Rizzacasa, titolare dell?Aedilia Venusta, accusato di trasferimento fraudolento di valori: avrebbe gestito attraverso le sue societ? il patrimonio del boss Salvatore Sbeglia, pure arrestato con il fratello Francesco Paolo e i nipoti Francesco e Marcello.

Secondo il tribunale, Lena sarebbe stato un elemento organico di Cosa nostra della famiglia dell?Uditore. L’inchiesta ha accertato i suoi rapporti con i boss Salvatore Sbeglia, Nino Madonia (di cui sarebbe stato anche prestanome per quattro appartamenti), Francesco Bonura.
Con Salvatore Lo Piccolo, come emerge dalle intercettazioni, sarebbe stato in societ? gi? nel 1978 quando si occupava di costruzioni edili. Poi aveva orientato i suoi investimenti in un’industria enologica che aveva adottato metodi di produzione avanzata.
L’abbazia era stata ristrutturata e trasformata in una struttura di agriturismo a cinque stelle.
07.04.2011