Sicilia: arriva lo sblocco dei concorsi per 1000 posti per medici e comparto delle 17 aziende

[ILSITODIPALERMO] Le aree interessate:Anestesia e rianimazione; medicina e chirurgia di accettazione e di urgenza; diagnostica per immagini (radiologia), assistenza diagnostica e terapeutica (radioterapia, fisica-medica, medicina nucleare); materno-infantile; farmacia per la distribuzione del I° ciclo terapeutico; infermieri (compresi quelli pediatrici); ostetrici; tecnici sanitari di radiologia medica; tecnici della riabilitazione

Non è mai troppo tardi. In arrivo, ed era ora, una boccata di ossigeno, si direbbe in questi casi, per migliaia di medici siciliani. Una notizia che farà piacere a tantissimi ?camici bianchi? e soprattutto ai dirigenti delle 17 aziende ospedaliere e sanitarie della Sicilia che, da tempo, attendevano questo passo avanti da parte dell’assessorato regionale alla Salute.

 

Dopo il blocco dei concorsi per la copertura dei posti vacanti degli organici delle 9 aziende sanitarie e delle 8 aziende ospedaliere di cui tre Policlinici (Palermo, Catania e Messina) e una complessa istruttoria svolta con la collaborazione delle stesse azende per la determinazione dei fabbisogni, con una circolare emanata ieri l’assessorato regionale alla Salute fornisce precisi indirizzi ai 17 commissari straordinari che attualmente ?governano? le aziende per colmare le carenze registrate in alcune aree assistenziali per taluni profili professionali.

 

LE AREE INTERESSATE – Anestesia e rianimazione; medicina e chirurgia di accettazione e di urgenza; area della diagnostica per immagini (radiologia), nonché per l’assistenza diagnostica e terapeutica per la quale è necessario l’utilizzo delle alte tecnologie (radioterapia, fisica medica, medicina nucleare); area materno-infantile; farmacia per la distribuzione del I° ciclo terapeutico e definizione della procedura concorsuale relativa ai Centri Regionali di Farmacovigilanza in capo all’Azienda Policlinico di Messina; comparto profili sanitari: infermieri (compresi quelli pediatrici); ostetrici; tecnici sanitari di radiologia medica; tecnici della riabilitazione.

 

“Le misure introdotte ? si legge in una nota diffusa dall’assessorato alla Salute – coniugano l’esigenza indifferibile di garantire l’uniformità dei livelli essenziali di assistenza con particolare riferimento alle aree seguenti e al contempo ridurre in modo razionale e ponderato la proporzione e il peso economico dei rapporti di lavoro a tempo determinato, in tutte le aziende sanitarie ed ospedaliere dell’Isola”.

 

L’assessore regionale della Salute Lucia Borsellino: “Continua il percorso di riqualificazione, attestato anche ieri dal giudizio di parificazione della Corte dei conti. Con questa prima misura diamo una boccata d’ossigeno a organici già in difficoltà, anche in vista del periodo di ferie estive, avendo riguardo al necessario progressivo riequilibrio delle risorse verso il territorio e al continuo miglioramento del trend di tutti gli indicatori di salute. Abbiamo potuto procedere a seguito del completamento di una fase di rilevazione effettuata dal Dipartimento Pianificazione Strategica che ha verificato una consistente carenza negli organici di alcune discipline e profili professionali sia della dirigenza medica/sanitaria, che del comparto, i cui posti vacanti negli organici aziendali non potranno, comunque, essere del tutto colmati a seguito della riorganizzazione della rete assistenziale prevista dalla legge Balduzzi”.

 

Sono circa 1500 gli altri contratti a tempo determinato interessati dal blocco dei concorsi. Si tratta di professionalità necessarie al miglioramento del sistema sanitario regionale per i quali prosegue il lavoro di determinazione dei fabbisogni tra assessorato e aziende Asp e ospedaliere. “In particolare ? prosegue la nota dell’assessorato – la legge 135/2012 ha disposto la riduzione dello standard di posti letto ospedalieri già accreditati a carico del Servizio Sanitario Regionale ad un livello non superiore a 3,7 posti letto per mille abitanti, comprensivi di 0,7 posti letto per mille abitanti per la riabilitazione e la lungodegenza post acuzie, introducendo una serie di misure che comportano, a seguito della riduzione dei posti letto ospedalieri, il riassetto organizzativo delle aziende del servizio sanitario regionale, che comporterà il coerente adeguamento degli organici dei presidi ospedalieri pubblici e la riduzione delle unità operative complesse e semplici, nonché delle relative posizioni organizzative e di coordinamento. Pertanto, nelle more della definizione dei provvedimenti applicativi della legge Balduzzi a livello nazionale e regionale, l’assessorato aveva dovuto disporre un blocco delle procedure di assunzione”.

 

Di contro, in questi ultimi anni, le direzioni aziendali hanno più volte rappresentato la necessità di provvedere all’urgente immissione in servizio di personale a tempo indeterminato, giustificate dalla indifferibile esigenza di garantire la costante ed efficiente erogazione dei servizi sanitari ed il rispetto dei livelli essenziali di assistenza, altrimenti compromessa da una persistente e cronica carenza di personale sanitario, per talune discipline e profili professionali. Tale situazione aveva determinato nel tempo il ricorso a rapporti di lavoro a tempo determinato, in quanto ritenuti indispensabili per non compromettere l’assolvimento ed il mantenimento dei livelli essenziali di assistenza.

 

Con questa prima misura correttiva, le Aziende sanitarie, possono procedere, in relazione alle discipline ed ai profili professionali sopra indicati all’immissione in servizio dei vincitori delle procedure di mobilità e delle procedure concorsuali a tempo indeterminato già esistenti, definite e non utilizzate, procedendo contestualmente ad una riduzione in pari misura dei rapporti a tempo determinato. Le predette assunzioni a tempo indeterminato, oltre a colmare le croniche carenze di organico registrate nei suddetti profili professionali, consentiranno di efficientare talune attrezzature specialistiche ad alto contenuto tecnologico, soprattutto in ambito radiodiagnostico, acquistate dalle aziende sanitarie mediante l’impiego delle risorse finanziarie del P.O. FESR 2007/2013, così come richiesto dalle disposizioni comunitarie.

 

Sull’argomento è intervenuta anche la Corte dei Conti, Sezione Controllo per la Regione Sicilia, la quale aveva evidenziato talune criticità in ordine al mancato rispetto da parte delle aziende sanitarie regionali del limite di spesa in materia di assunzioni di personale a tempo determinato, di contratti di collaborazione coordinata e continuativa e convenzioni e per il quale l’assessorato si è subito attivato per fornire una manovra correttiva entro i 90 giorni previsti. Lo stesso organismo contabile con il giudizio di parificazione appena pubblicato aveva anche precisato che “tale obbligo di riduzione non può tuttavia colpire i rapporti di lavoro che, in ragione dell’elevato livello di specializzazione e/o dell’infungibilità della prestazione resa, risultano essenziali e funzionali all’erogazione dei Lea”.

 

LE GRADUATORIE – Per quanto riguarda le discipline dell’anestesia e della rianimazione, della medicina e chirurgia di accettazione e di urgenza, dell’area della diagnostica per immagini (radiologia), nonché per l’assistenza diagnostica e terapeutica alle malattie oncologiche (radioterapia, fisica medica, medicina nucleare), per le discipline e profili professionali strettamente connessi ad una migliore efficienza della alte tecnologie nonché per i tecnici sanitari di radiologia medica, le 17 azienda siciliane potranno altresì fare ricorso, oltre che all’immissione in servizio dei vincitori, anche allo scorrimento delle medesime graduatorie di mobilità e concorsuali a tempo indeterminato già definite, per procedere alla copertura dei posti già esistenti in dotazione organica, resisi vacanti ed attualmente coperti con incarichi a tempo determinato, con contestuale riduzione in pari misura di questi ultimi.

 

INFERMIERI – Con riferimento, inoltre, alle procedure di mobilità dei c.p.s. infermieri, già definite in sede di Bacino occidentale ed orientale dell’Isola le 17 aziende sanitarie e ospedaliere potranno procedere allo scorrimento delle relative graduatorie, anche mediante utilizzo degli idonei per la copertura dei posti vacanti e disponibili nella dotazione organica aziendale – attualmente coperti da assunzioni a tempo determinato, in scadenza e non più prorogabili – e prevedere contestualmente una pari riduzione del numero degli incaricati a tempo determinato.

 

PROROGA A TEMPO DETERMINATO – Qualora non fosse possibile procedere alla utilizzazione delle graduatorie esistenti secondo le modalità sopra indicate, le aziende potranno prorogare fino al 31 dicembre 2013 gli incarichi a tempo determinato, comprese le collaborazioni coordinate e continuative per l’espletamento delle attività dei progetti obiettivi di Piano Sanitario Nazionale, relativi anche a discipline e figure professionali differenti da quelli sopra indicati.

 

PERSONALE PRECARIO LSU – Per quanto attiene, poi, la definizione delle procedure di stabilizzazione del personale precario ex Lsu., titolare di un contratto quinquennale di diritto privato, già autorizzata con nota assessoriale prot. n. 0351 del 03/01/2013, le aziende sanitarie ed ospedaliera potranno procedere alla relativa immissione in servizio dei candidati risultati vincitori, qualora il relativo posto in dotazione organica risulti tuttora previsto e vacante, previa valutazione dell’impatto economico conseguente all’assunzione della specifica tipologia di lavoratore.

 

IL BUDGET NEGOZIATO – Tutte le misure (assunzioni a tempo indeterminato, proroga dei contratti a tempo determinato, scorrimento della graduatoria di mobilità degli infermieri, conferimento degli incarichi di direttore di struttura complessa) possono essere adottate nei limiti del budget negoziato con questa Regione per l’anno finanziario in corso, previa attestazione formale della direzione strategica aziendale, dalla quale risulti l’effettiva necessità del ricorso ai suddetti istituti, per assicurare il mantenimento dei livelli essenziali di assistenza e l’efficiente erogazione dei servizi sanitari.

 

Infine, è specificato ancora nella nota dell’assessorato: “Le aziende sono tenute a trasmettere, con cadenza mensile, report dai quali possano emergere gli effetti economici, in termini di riduzione del costo del personale a tempo determinato nell’anno 2013 rispetto agli anni 2011 e 2012 in conseguenza della trasformazione dei suddetti rapporti a tempo indeterminato e, nel contempo, gli oneri che graveranno, per gli anni 2013/2015, per le assunzioni di personale a tempo indeterminato disposte in esecuzione della direttiva”.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.