Sorpresi, inseguiti e arrestati due ladri in trasferta a Cefalù

[lavoceweb.com ]Vengono da fuori i ladri che stanno allarmando Cefalù. Nei giorni scorsi si erano ripetuti furti di moto con una frequenza inusitata. Stavolta due giovani, che avevano rubato un’auto, sono stati sorpresi e arrestati dai carabinieri dopo un movimentato inseguimento. Sono Claudio Cannarozzo di 21 anni e Vincenzo Gennaro di 19. Sono entrambi palermitani.
Furto e arresto con fuga interrotta si sono verificati introno alle 3:30, quando i due giovani a bordo di una Fiat 600, rubata a Palermo il 30 giugno, sono incappati in un posto di controllo dei carabinieri di Cefalù in via Cirincione. I giovani, alla vista dei militari, dopo aver proseguito la corsa, decidevano di abbandonare immediatamente la macchina dandosi alla fuga per le vie del centro storico.
Da un rapido controllo a bordo dell’auto, i militari rinvenivano grimaldelli e attrezzi da scasso. E questo faceva immediatamente intuire che i due giovani erano con ogni probabilità dei ladri venuti in trasferta a Cefalù. Le ricerche, scattate immediatamente e coordinate dalla centrale operativa dei carabinieri, con l’ausilio di altre pattuglie, si sono concluse poco dopo, allorquando i due giovani sono stati nuovamente intercettati e bloccati proprio mentre stavano forzando la portiera di un’altra auto e garantirsi la fuga.
I due giovani sono volti noti alle forze dell’ordine. Sono stati ora arrestati con l’accusa di furto aggravato, ricettazione, possesso ingiustificato di chiavi e grimaldelli nonché di resistenza a pubblico ufficiale. Dopo la convalida degli arresti, i due sono stati rimessi in libertà con l’obbligo di firma in attesa del processo.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.