Tagliati alla Sicilia 1.500 milioni per le ferrovie. Ne rimangono solo 500 per il tratto Cefalù-Castelbuono

[vivienna.it] Quasi la totalità dei 1.970 milioni di euro che una delibera Cipe del 2004 ha destinato al raddoppio ferroviario Catania-Messina e? stata dirottata su altre opere in altre parti del Paese. Il tratto Giampilieri-Fiumefreddo e? poi scomparto del tutto dai progetti di Rfi. Lo denunciamo la Fillea (edili) e la Filt (trasporti) Cgil della Sicilia che, con i segretari generali Franco Tarantino e Franco Spanò, sottolineano ?una evidente volontà di Rfi e del governo nazionale di abbandonare in questo ambito la Sicilia. Si tratta di un?opera strategica- rilevano Tarantino e Spanò- da anni al palo per la quale adesso sono pure scomparsi i fondi?. I due sindacalisti sottolineano che ?la delibera Cipe che finanzia l?opera non e? mai stata revocata. La progettazione però non e? mai partita e la mancata convocazione da parte della regione della conferenza di servizio per trovare l?accordo tra i comuni interessati ha certamente contribuito a determinare la situazione attuale?. Considerano inoltre ?un paradosso che proprio la parte iniziale dell?opera sia saltata?. Per Tarantino e Spanò ?non ci sono tuttavia alibi per Rfi e governo nazionale, che confermano il disinteresse per la Sicilia?.

Dei finanziamenti iniziali restano solo, denunciano le due federazioni di categoria, 500 milioni per il tratto Cefalù?Castelbuono.

Fillea e Filt chiedono adesso che ?venga fatta chiarezza, che si sappia che fine hanno i fondi destinati alla Sicilia e che possano essere ripristinati per le opere cui erano destinati?. ?A fronte di un sistema trasporti che presenta molte falle e della crisi occupazionale che investe i settori sia dei trasporti che dell?edilizia ( quest?ultima nell?ultimo anno ha perso altri 11 mila posti di lavoro)- dicono Tarantino e Spanò – e? inammissibile che all?isola vengano sottratti finanziamenti. Su questi temi- concludono- occorre tenere accesi i riflettori per una inversione di rotta?.

Antonio2

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.