Termini, a fuoco due capannoni: paura per la nube di fumo

[PALERMOTODAY] Incendio nell’area industriale. Il rogo ha incenerito circa 50 tonnellate di rifiuti stoccati in un piazzale. Ingenti i danni. Una densa colonna di fumo si è alzata in cielo creando preoccupazione. Bruciato anche un deposito di detersivi

Rischia di assumere contorni drammatici l’incendio che si è propagato nella notte nell’area industriale di Termini Imerese. Il rogo ha interessato una vasta area, mandando in fumo circa 50 tonnellate di rifiuti stoccati in un piazzale, della ditta “Lsv srl”, specializzata nella raccolta differenziata. L’allarme è scattato intorno alle 3. Le fiamme hanno distrutto due capannoni e un’area di stoccaggio. Ingenti i danni.

Il fuoco si è esteso anche in un deposito di detersivi e in un impianto di una lavanderia industriale. Sul posto hanno operato per tutta la mattina una decina di squadre dei vigili del fuoco del distaccamento di Termini e di Palermo. Oltre sei ore di lavoro per spegnere le fiamme.

E spunta il pericolo di inquinamento dell’aria. Infatti, una densa colonna di fumo si è alzata in cielo creando preoccupazione nella popolazione locale. Sull’episodio stanno indagando i carabinieri. Nell’incendio nessuno è rimasto ferito. L’area, fanno sapere dalla sala operativa dei vigili del fuoco, resta sotto controllo fino a quando non saranno ripristinate le condizioni di sicurezza. Si tratta di un’opera di bonifica assai complessa: sul posto anche gli uomini del nucleo biologico e chimico Nbcr per fare fronte all’alta colonna di fumo. Sono in corso accertamenti. Si indaga sull’eventuale matrice dolosa tredici mesi dopo un analogo incendio.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.