Top onomastica

La vita del Villaggio fluisce piena di controsensi. Non si capisce perché il traffico vada per il verso sbagliato. (A proposito dove sono gli organi di senso?)
Ma è prevista un’inversione di marcia. Da febbraio. Quando arriverà il fatidico piano traffico redatto da illustri luminari dell’Università di Palermo.
Cari villeggianti, da febbraio si cambia senso.
Molti sconoscono il fatto che sono previste anche delle modifiche toponomastiche. Come queste qui di seguito.
Via Cefalù, non ne possiamo più. Via. Su proposta di ignoti diventerà “via Cicero”. Più che una via un invito a percorrerla.
Via Mustafà, leader della resistenza islamica contro gli scudo-crociati. Dentro Sottile, leader delle parole crociate. Ecco così “largo Sottile”, un sorta di ossimoro ma soprattutto una dimostrazione di affetto.
Via Maurolico, scienziato astronomico. Al suo posto Leta, scienziato del traffico alle stelle. “La Leta via” sarà circondata da palme sopra le quali dei giullari, con dei fischietti, scandiranno a tutte le ore l’inno del villaggio: il Peppepeppeppeppè tormentone carnevalesco.
E infine Piazza Margherita, in onore delle Regina degli italiani, diventa Pizza Margherita, in onore della regina delle pizze. Sarà piena di discorsi in tutte le salse e delle nuove, squisite, incomparabili, mozzarelle d’asina. Ma attenti all’olio abbondante… si rischia lo scivolone.