Trasporto scolastico. Interviene l’Amministrazione Comunale

In relazione al piano dei costi e dei ricavi del servizio di scuolabus per la scuola dell’infanzia, approvato con delibera di G.M. n. 66 del 20/05/2020, con la presente si comunica l’intendimento dell’Amministrazione comunale di rimodulare la suddetta previsione nel rispetto del D.L. 29 ottobre 2019, n. 126, dei recenti pronunciamenti della Corte dei Conti (delibera sezione autonomie n. 25 del 7 ottobre 2019) e note informative dell’Anci (ottobre 2019).

Il trasporto scolastico è qualificato come servizio pubblico, ma non è classificato tra quelli a domanda individuale e di conseguenza non possono reputarsi immediatamente applicabili i vincoli normativi e finanziari che caratterizzano le attività, espressamente individuati dalla normativa. La natura di servizio pubblico (in quanto rivolto a soddisfare le esigenze della collettività) comporta che per il trasporto scolastico siano definite adeguate tariffe a copertura dei costi, secondo quanto stabilito dall’articolo 117 del TUEL. Peraltro, l’articolo 5 del D.Lgs. 63/2017 prevede una espressa clausola di invarianza finanziaria, richiedendo che il servizio di trasporto vada realizzato senza determinare nuovi e maggiori oneri per gli enti territoriali e dietro pagamento, anche graduato, di una quota di partecipazione diretta. Questo per non gravare, come del resto è avvenuto negli anni e avverrà per la quota parte a carico del bilancio comunale, sulla generalità dei contribuenti e non soltanto sui fruitori del servizio in questione.

Tuttavia, alla luce delle sollecitazioni ANCI e nella considerazione che il servizio di scuolabus e trasporto scolastico rappresenta un servizio prioritario per il supporto al diritto allo studio finalizzato a perseguire l’uguaglianza sostanziale degli studenti, con i sopracitati D.L. 126/2019 e delibera Corte dei Conti 25/2019 è stato stabilito che «nell’ambito della propria autonomia e nel rispetto degli equilibri di bilancio, ove il Comune ne ravvisi la motivata necessità e vi sia un rilevante e preminente interesse pubblico ovvero il servizio debba essere erogato nei confronti di categorie di utenti particolarmente deboli e/o disagiate, può decidere di erogare il servizio di trasporto scolastico anche gratuitamente».

Pertanto, alla luce di quanto esposto, si ritiene opportuno riconsiderare le tariffe per il servizio di scuolabus valutando la contribuzione di 16,00€ mensili (0,80 € al giorno) determinata con delibera di G.M. 66/2020 quale limite massimo applicabile alle famiglie in funzione del proprio reddito I.S.E.E. e della composizione del nucleo familiare. È in fase di elaborazione un nuovo piano tariffario con la previsione di fasce di riduzione e/o esenzione in base ai parametri sopra indicati (reddito I.S.E.E. e nucleo familiare, es. secondo figlio, etc.).

Inoltre per l’A.S. 2020/2021 l’Amministrazione comunale subordinerà le proprie determinazioni alle condizioni di emergenza Covid-19 ed alle conseguenti indicazioni regionali e nazionali fino ad un’eventuale totale gratuità del servizio, coprendo il mancato introito con i trasferimenti statali e regionali e/o con altre fonti di finanziamento dal bilancio comunale.

Per tale motivazione sarà pubblicato un avviso di rettifica chiedendo di procedere al momento con la sola presentazione dell’istanza. Inoltre per facilitare l’individuazione della tariffa a carico di ciascun nucleo familiare si invitano i cittadini a rivolgersi al proprio Sindacato, Patronato e Commercialista di fiducia, per la predisposizione del proprio I.S.E.E.

Ci scusiamo con i concittadini e ringraziamo quanti, senza spirito di polemica, hanno formulato osservazioni e indicazioni che consentiranno di migliorare un servizio nei prossimi anni, improntando lo stesso a princìpi di equità e giustizia sociale, non gravando sulla generalità dei contribuenti ma esclusivamente sui fruitori del servizio e assicurando le necessarie riduzioni e/o esenzioni ai cittadini e alle famiglie secondo uno spirito solidaristico.

L’Amministrazione comunale

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.