Un giovane bracciante di San Mauro aggredito da una femmina di cinghiale

[RICEVIAMO E PUBBLICHIAMO] Nella giornata di ieri, un giovane bracciante agricolo di San Mauro è stato aggredito da una femmina di cinghiale. L’episodio è avvenuto nella vallata del fiume Pollina, tra il territorio di San Mauro e quello di Geraci Siculo nel Parco delle Madonie. Il giovane, Domenico Colantoni di 33 anni, è stato accompagnato al pronto soccorso di Cefalù dove gli hanno riscontrato un forte trauma al piede e ad una gamba.  Il giovane insieme ad un amico stava raccogliendo delle olive nere in un suo podere, quando da dieto un cespuglio è  uscita di corsa e in modo aggressivo la femmina di cinghiale che lo ha caricato ripetutamente buttandolo per terra, e grazie all’amico, cheimmediatamente ha preso a pietrate l’animale,  si è evitato il peggio.

“Non è possibile che non si riesca a trovare una soluzione concreta al problema – afferma il vicesindaco di San Mauro Giovanni Nicolosi. Con il Parco delle Madonie abbiamo fatto molte riunioni sulla problematica, non ultima quella di un mesetto fa alla presenza dell’Assessore Regionale all’Agricoltura Cartabellotta, ma siamo ancora in attesa di una soluzione al problema.Penso che più passa il tempo più il problema diventi grave – continua Nicolosi – e che  l’unica soluzione efficace sia quella di fare delle battute di caccia, ovviamente controllate dalle autorità preposte, con armi da fuoco anche all’interno del Parco prima che ci scappi il morto. Mi appello –conclude Nicolosi –  alla regione e agli organi preposti affinchè emanino nel più breve tempo possibile una norma a tal riguardo per debellare questo animale che non ha nulla a che fare con la zona delle Madonie.”

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.