“Un pap? di 2,29 metri.”

Mi chiedo: e se un giorno tutti cominciassero a vedere? Nello scorso numero vi avevo parlato del pestaggio all’avvocato Fragal?, che in seguito sarebbe morto. Da allora un altro episodio di violenza gratuita ha interessato Palermo, ossia l’aggressione a due controllori Amat, semplicemente perch? impegnati a fare il loro lavoro, e successivamente la distruzione del bus da parte degli stessi teppisti. In entrambi i casi, teatro della scena ? stato un quartiere centrale della citt? a densit? abitativa elevatissima. Eppure, combinazione, nessuno ha visto niente. Se nel caso dell’aggressione dell’avvocato possiamo far finta di crederci, perch? avvenuta in serata, che nessuno abbia visto niente della scena dell’aggressione nel bus, avvenuta in pieno giorno,?n??edicolante, fioraio, bar e fruttivendolo, tutti a distanza di pochi metri, ? davvero assurdo. A meno che non debba pensare che tutti sono ciechi. Palermo ? la citt? dei non vedenti. E cos? chi delinque se ne approfitta. E’ questa l’unica chiave di lettura. Cos? mi chiedo cosa succederebbe se un giorno qualcuno cominciasse a vedere di nuovo, a riacquistare la vista, e cos?, chi gli sta accanto si accorge che anche lui pu? usare gli occhi allo stesso modo, e via via allo stesso modo tutti gli altri concittadini, come una specie di contagio positivo totale. Di sicuro cambierebbero tante cose. Per il momento dobbiamo accontentarci di ci? che abbiamo. Di vivere in una citt? di ipovedenti. Con la fortuna di ottici e oculisti.

yao-ming-houston-rockets

La moglie di Yao Ming ? in stato interessante. Buon per lui penserete. Ma non ? cos? semplice. Per chi non lo sapesse Yao Ming ? il gigante cinese di 2,29 metri campione di basket e stella NBA, simbolo della rinascita della Cina e della rivalsa nei confronti dell’Occidente. Per i cinesi ? praticamente un Dio. In patria la nascita del suo erede ? attesa come un evento storico, la notizia ? stata accolta con entusiasmo generale. Sennonch?, quando un giornalista ingenuamente ha chiesto al cestista dove avesse intenzione di far nascere il bimbo, le donne hanno smesso di esultare, i bicchieri hanno smesso di battere, gli uomini hanno smesso di sorridere. L’imbarazzo di Yao Ming era palese, quei pochi secondi sono sembrati un’eternit?, dopodich? ha risposto “? una questione tra me e mia moglie”. L’idea che possa nascere americano/a fa rabbrividire i suoi connazionali. Addirittura c’? chi la considera la notizia peggiore dopo la morte di Mao. Sconvolgente pi? di un ipotetico abbraccio tra Obama e il Dalai Lama. A Luglio si scoprir? cosa avranno deciso. In ogni caso qualcuno rester? deluso. A me invero non me ne frega pi? di tanto. Sar? solo curioso di sapere quanto sar? alto, con un padre cos? e con la madre che ? alta 1,90 metri.

Per il momento ? tutto. Ci rivediamo il prossimo Gioved?.

?Oltre Fiumara – Rubrica settimanale che apre uno spiraglio tra le cinta murarie del borgo, per far passare qualche notizia fuori dal comune.?