Un sogno di libreria

[MADONIENEWS – G.Spallino] C’è chi investe in borsa e chi nella cultura. Quest’ultimo oggi è un caso molto raro, ma il libraio di Castelbuono, Rosario Barreca, lo ha fatto ed ha vinto la scommessa.
La libreria-cartolibreria Barreca dal 13 luglio è entrata, infatti, a far parte del gruppo édicole Mondadori Franchising, ossia quel ramo della famosa casa editrice che ha il compito di aprire punti vendita e favorire varie promozioni.

“Questa nuova libreria è nata per dare un servizio di cultura a tutto il comprensorio e dare la possibilità di visionare i libri prima dell’acquisto, cosa che prima era impossibile, essendo in un piccolissimo locale” dice Rosario Barreca, che nel 1963, all’età di 16 anni, decise di abbandonare gli studi per gestire la libreria fondata dal padre nel 1930. Dal 2004 Rosario Barreca è coadiuvato dal figlio Antonio, e grazie a questo sostegno è riuscito a realizzare il sogno della sua vita. “Quest’idea” continua Barreca “la portavo avanti sin dal 1975, quando ho fatto ingrandire il vecchio locale, ma di pochi metri quadrati¡”.
Adesso, conclusi i festeggiamenti, la famiglia Barreca sta realizzando un calendario di incontri tra autori e lettori. Il primo, previsto nei primi di agosto, è con Salvino Leone, autore di origine castelbuonese, che recentemente ha scritto “Castelbuono. U paisi”. Buona parte di questi incontri avverranno con autori castelbuonesi, tra cui Barreca spera ci siano il poeta Santo Atanasio, il giornalista Giuseppe Oddo e lo storico Orazio Cancila.
Il librario castelbuonese, inoltre, come ha dimostrato, punta sempre in alto e si è messo in contatto con il club Camilleri di Palermo. Ma non vuole il perchè: sarà un sorpresa per la comunità. Chissà, forse riuscirà a far diventare Castelbuono “la Vigàta delle Madonie”.
Giuseppe Spallino
-25 luglio 2008-