Verde pensare

Riceviamo e pubblichiamo
“Verde pensare”: con questo slogan la comunità Castelbuono prosegue nel percorso di sensibilizzazione per cambiare le abitudini quotidiane al fine di evitare sprechi, rispettando l?ambiente ed il grande patrimonio architettonico che ci circonda. Sabato 29 e domenica 30 marzo nel centro urbano di Castelbuono si terranno diverse iniziative e precisamente:

– L?Azienda Regionale Foreste Demaniali distribuirà gratuitamente 5.000 piantine (giova ricordare che ogni famiglia produce Kg. 1.700 di ?Co2?. Da uno studio effettuato da Legambiente è stato dimostrato che basta piantumare n. 3 alberi a famiglia per ridurre tale fenomeno);
– L?Azienda EnelSì distribuirà lampade a basso consumo energetico;
– La Società O.R.S.A. promuoverà la rottamazione di cellulari, dando in cambio un kit che comprende lampada a risparmio energetico e riduttore di flusso d?acqua;
– La Società ?Abitare? presenterà le nuove tecnologie in materia di fotovoltaico, solare termico e di altre soluzioni alternative per rendere la casa piu? ecocompatibile;
– La Società Ecologia Ambiente, che si occupa della gestione dell?ATO 5 rifiuti, presenterà il piano d?ambito ed omaggierà dei sacchetti di compost e presenterà anche il parco macchine elettrico;
– La FIAT CENTER Italia S.p.A. presenterà le macchine a metano che commercializzano.
– Lungo la Via S. Anna saranno allestiti degli stand dell?artigianato e della gastronomia,

Infine i bambini che vorranno fare amicizia con gli asini a ?4 zampe? avranno l?opportunità di trovarli in piazza e potere effettuare qualche passeggiata.
“Sarà un giorno di festa – conclude il Sindaco Mario Cicero – all?insegna del rispetto dell?ambiente, ma anche una occasione per apprezzare Castelbuono, i suoi monumenti, la sua gastronomia, la sua cordialità e ospitalità.”

2 Commenti

  1. Bella iniziativa! Tempisticamente approntata in periodo elettorale.

    Peccato che:

    1) Attraverso la situzione attuale dei forestali in Sicilia si
    mantiene un parco voti giostrabile dalle amministrazioni attuali e
    future!

    2) L?Azienda Enel ci fa pagare in bolletta la tassa CIP6 che doveva
    servire all’incentivazione alle fonti di energia rinnovabili che è
    stata introdotta dalla legge n. 9 del 1991 e dalla successiva
    delibera n. 6 emessa dal Cip nel 1992 che ha aggiunto le parole
    “ed assimilate”. Tali normative hanno previsto che i
    finanziamenti,in parte, gravino (indirettamente) sul singolo
    utente finale, quale parte del sovrapprezzo del costo della
    energia. Che hanno finito per finanziare gli inceneritori!

    3) L’ATO in in molti comuni siciliani é già in rosso, e si parla di
    bollette che lieviteranno, d’ora in poi, ed inoltre, la cosa più
    assurda e paradossale e che a Carini, l’ATO chiude un centro di
    raccolta dei rifiuti, PER MANCANZA DI RIFIUTI ed in Campania li
    vogliono mandare in Germania, che costa pure di più!
    (Visto giorno 27/03/2008 ad un servizio di Striscia La Notizia)

    4) La FIAT finanziata ed alimentata dallo Stato invece di produrre la
    macchina ad idrogeno, continua a sfornare modelli sempre più
    inquinanti, che con un litro fanno 10 metri in un secondo però! E
    presentano l’invenzione del secolo la macchina a metano! Ma il
    metano non é un gas inquinante, sicuramente da una macchina al
    metano non uscirà ossigeno, come in quelle ad idrogeno! E guardate
    che la macchina ad idrogeno esiste e che ai petrolieri non
    conviene che venga messa in commercio, figuriamoci alla FIAT!

    Per maggiori informazioni consultate la rete (Beppe Grillo docet!), tanto in TV e sui giornali queste cose non li vedrete, quasi mai, Striscia La Notizia a parte!

    Ops! Scusate ma forse queste cose non si dovrebbero sapere! Soprattutto in questo periodo!

    25/04/2008 V-Day 2 Stay Tuned

    By Grillo Parlante e gli Amici di Beppe Grillo – Castelbuono

  2. Una campagna di sensibilizzazione ambientale in cui vengono presentati contestualmente asini e auto a metano potrebbe essere un ossimoro, ma non lo è: la merda prodotta dai riscoprendi quadrupedi va ad alimentare un digestore anaerobico in cui ficchi, appunto, merda e ottieni metano, che va ad alimentare (ed ecco la genialata) il motore a combustione interna dei pandini Fiat.

    Take it easy! 🙂

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.