Ypsigrock alla Bivona School come “mentors” su sviluppo e crescita del territorio

[magaze.it]Proseguono i lavori della Bivona School, la Scuola di alta formazione su Innovazione e Creatività per lo Sviluppo Locale del Territorio Sicano che fino a domani coinvolgerà giovani di talento e mentore di successo nell’elaborazione di idee e progetti per l’innovazione dall’entroterra siciliano. La sezione mattutina ha contato sull’intervento di Davide Faraone, Sottosegretario di Stato del Ministero dell’Istruzione. Venticinque mentors ovvero giovani protagonisti di imprese innovative e tutor appassionati hanno coinvolto i partecipanti in laboratori per lo sviluppo di concrete idee per la crescita del territorio: da Ypsigrock Festival di Castelbuono, punto di riferimento per gli appassionati di cultura indie nel cuore dell’Ente Parco delle Madonie, a La lumaca Madonita uno dei più grandi allevamenti di lumache d’Italia. Sono tutti esempi di imprese giovani, fatte da giovani: tra i best cases anche La Sprawl Design Industries industria creativa che opera nel campo dell’artigianato digitale attraverso l’ausilio di scanner e stampanti 3D. Farm Cultural Park il primo parco turistico e culturale situato nel centro storico di Favara; Italia Camp innovativo network di idee e progettualità che connette settanta università nazionali e internazionali; e La Stiva residenza creativa multidisciplinare diventata centro di sperimentazione di nuovi linguaggi e metodi di comunicazione, nel cuore di Casteltermini.

«Dalla Bivona School emerge un messaggio potente per tutti i territori interni – commenta Maurizio Carta Direttore di Bivona School e co-responsabile, Polo Universitario di Ricerca di Bivona e Santo Stefano Quisquina -. Il territorio locale del futuro è un propulsore dell’innovazione, è un potente motore economico, è un efficace promotore culturale, è un generatore di sviluppo. Siamo di fronte ad una vera e propria Creative Smart Land basata sull’ecologia, sulla creatività e sull’innovazione capace di potenziare il capitale umano di amministratori e cittadini intelligenti e attivi e di rafforzare il capitale territoriale dei sistemi culturali e paesaggistici. Dai lavori dei tavoli tematici – spiega Carta – e dal lavoro dei giovani emergono con forza i primi elementi di una nuova visione di sviluppo: un vero e proprio Manifesto di Bivona che sarà presentato domani». Al termine delle tre giornate le idee raccolte saranno presentate a possibili investitori e venture capitalist. «Tutte le idee imprenditoriali che emergeranno nel corso dei laboratori – aggiunge Giovanni Panepinto, Sindaco del Comune di Bivona che ospita la Scuola di alta formazione – saranno pubblicate nel primo volume dei “Quaderni del SicaniLab” e l’idea migliore (selezionata dal Comitato Scientifico) riceverà un premio in denaro del valore di mille euro».

di Elisa Chillura e Epifania Lo Presti